ORBETELLO DON’T GET A PENNY

I’ve been going to Orbetello for a long time since I was playing in the hot hours waiting to get back in the water with that steel ball that would not have to fall into the pit but that hardly with the steering wheel and pedals could make it halfway. The kiosk was shaded by a muddy cannucin behind the pine forest, ahead, the white hot beach and the sea of ​​a celestial, banally unique, “Feniglia” sea.

This time I decide to devote some hours of holiday days so long as I am looking for a lookout for a more in-depth knowledge of the sale of discourses, then I read ads, then I go through the google map and visit the area, if interesting step to the contact telephone.

One morning early I drive in one of these streets between the fields that cross the railroad in search of a cottage that I can not locate, between reversals and reversals in complete solitude I decide to stop at a farm that sells products at km 0 per ask for information, the farmhouse is under the pine trees, vanished, the open windows without shutters leave the interior laids. I am tempted to leave but here is a young man, long hair with unwashed treasures, worn work clothes, shoes with the cut upper, courageous, coming out of the car, a shepherd sniffing as he starts making me questions in Tuscan narrow and without telling anything or just tells me that he owns an Alfa Romeo Giulia 1600 cc super of the seventies, takes me to the back of the barn, opens a shed and me the exhibition telling me about handcraft repairs and travel days. His tales do not stop, as he talks about having problems, he is not in the usual normality (although understanding what is meant by normality) tells me that his brother took the Carabinieri away and told me the reasons. In the meantime a couple of strangers arrive, greet him with friendship, I take the opportunity to interrupt him and, while distracted, I move toward my goal.

For many days I have thought of two things: the beautiful Giulia and the story of her brother.

The farmhouse that is not but a house enlarged and modified over the years with land plot has been divided into 4 apartments for sale separately, the only interesting one on the first floor sin that to reach us a stone staircase rising in Vertically almost chest makes you risk falling behind, inside a lofty but unauthorized . At the end of the visit the sentence is as follows: the required figure is this and don’t get a penny.

One evening I head to the Neghelli district of Orbetello, the apartment is on the first floor of a single-storey building typical of popular economic construction of the 30’s, the rest of all the same buildings lying on the border with the long lagoon vary only by coloring, roofs at two shades, shutters, older people sitting with sideboards near the gates continue that village custom likely inherited by parents in the historic center today but occupied by foreigners who have bought, restored and colonized. At the end of the visit, the estate agent’s sentence is as follows: the required amount is this and the owners don’t  get a penny.

I go to the conquest of Porto Santo Stefano, I see and visit houses of former fishermen, elderly people who have died with hereditary struggles around the corner, restructurations of premises now used as apartments within peaks on the sea and park within luxury residences with condominiums comparable to rented rentals, always without a private place to park the car that in a place where they built on the slopes of the rock, this as a minimum you need to do the shopping because alternatively besides the narrow streets you can walk along the stairs that climb from the harbor to the top of the hill, millions of steps, so no private parking space even to talk about it, you could park along the street but challenge anyone to find a place and those available are paid on a daily basis.

Demoralized, people tell me that at Orbetello a famous Roman construction company has completed a residential complex consisting of several buildings with every comfort provided with a carpet, a pity that they did not give me the cost per square meter of a luxurious residence in the capital. An oasis confined by economic houses occupied by orbetellani near the long lagoon, modern style, perhaps even too much with artificial lawns and steel balustrade balustrades, the advertising I read on the billboards between the various things recites “… two steps from port of Cala Galera “I see that the legal headquarters is in Via dei Colli della Farnesina in Rome, a street where only luxury residences exist, so I most probably deduce that they are destined for the Roman bourgeoisie since the economy of the area of ​​Orbetello based on the lagoon and its induction I do not think it produces salaries to so many zeros, so for leisure vacationers better if with boat afterwards.

The days of rest are slipping fast and making a mental note I think the most interesting thing he has seen was the encounter with the kind of old Giulia, the story of her brother who was unhappy with her stepmother and put her under her One Turbo, adoptee, ceased to squander their wealth and always the same after paying breakfast for a month each morning at the bar to a girl and her mother thought the young man was interested in him but once he was hurt , he asked for explanations, received a complaint, the Carabinieri did not arrest him for investing the woman, but when they brought him the face of his love that asked him to disappear from his sight, he nervously turned to the guards and they took him away to that the door of the prison opened.

The local peasants argue that it is the smartest of the brothers all a little pecker with a dead mother when they were still too young and a particular father, but thinking about his past and the events I can not judge in a society of men who always more often they take and do not give, direct reactions such as her are certainly wrong because without many policies or frills, beyond the law but sometimes someone should explain to those who ask that they are not only living to take but also to give and homes and the apartments I visited unfortunately were of those who ask and that’s enough.

 

ORBETELLO NON SCENDE DI UN SOLDO

 

Sono anni che vado ad Orbetello, da piccolo giocavo nelle ore calde in attesa di rigettarmi in acqua con quella pallina d’acciaio che non sarebbe dovuta cadere in buca ma che difficilmente con volante e pedali riuscivi a farle fare metà percorso. Il chiosco era ombreggiato da un misero cannucciato, dietro, la pineta, avanti, la bianca spiaggia bollente ed il mare di un colore celeste, banalmente unico, la “Feniglia”.

Questa volta decido di dedicare qualche ora delle giornate di ferie tanto agognate per fare dei sopralluoghi al fine di tentare una conoscenza più approfondita del discorso abitazioni in vendita, quindi leggo annunci, poi verifico con google map e visito la zona, se interessante passo al contatto telefonico.

Una mattina sul presto percorro in auto una di queste vie tra i campi agricoli che costeggiano la ferrovia alla ricerca di un casale che non riesco ad individuare, tra retromarce e inversioni nella completa solitudine decido di fermarmi presso una fattoria che vende prodotti a km 0 per chiedere informazioni, il casale è sotto i pini, malandato, le finestre aperte senza persiane lasciano presagire i laidi interni. Sono tentato di andarmene ma ecco che appare un uomo giovane, capelli lunghi con treccine non lavate, gli abiti da lavoro logori, le scarpe con la tomaia tagliata, mi faccio coraggio, scendo dall’auto, un cane pastore mi annusa mentre lui inizia farmi domande in toscano stretto e senza dirgli nulla o poco mi racconta che possiede una Alfa Romeo Giulia 1600 cc super degli anni settanta, mi porta nel retro del fienile, apre un capanno e me la mostra raccontandomi di riparazioni artigianali e giornate di viaggio. I suoi racconti non si fermano, mentre parla comprendo che ha dei problemi, non è totalmente nella consueta normalità (anche se bisogna capire cosa si intenda per normalità) mi dice che il fratello lo hanno portato via i Carabinieri e mi racconta le motivazioni. Nel frattempo arriva una coppia di forestieri, lo salutano con amicizia, colgo l’occasione di interromperlo e mentre si distrae mi allontano verso la mia meta.

Per molti giorni ho pensato a due cose: alla bella Giulia ed al racconto sul fratello

Il casale che casale non è ma bensì una casa ampliata e modificata negli anni con l’appezzamento di terra è stato suddiviso in 4 appartamenti in vendita separatamente, l’unico interessante uno al primo piano peccato che per accederci una scala in pietra che sale in verticale quasi a petto ti fa rischiare di cadere in dietro, all’interno un soppalco bellissimo ma non condonato. Alla fine della visita la frase è la seguente: la cifra richiesta è questa e non scendo di un soldo.

Una sera mi dirigo al quartiere Neghelli di Orbetello, l’appartamento è al primo piano di una palazzina ad un solo livello tipica edilizia economica popolare degli anni 30, le restanti palazzine tutte uguali dislocate a confine con il lungo laguna variano solamente di colorazione, tetti a due falde, persiane, le persone anziane sedute con le seggioline vicine ai portoni continuano quell’usanza paesana probabilmente ereditata dai genitori nel centro oggi storico ma occupato da forestieri che hanno comprato, ristrutturato e colonizzato. Alla fine della visita la frase dell’agente immobiliare è la seguente: la cifra richiesta è questa e i proprietari non scendo di un soldo.

Parto alla conquista di Porto Santo Stefano, vedo e visito case di ex pescatori, di persone anziane decedute con lotte ereditarie dietro l’angolo, ristrutturazioni di locali ora adibiti ad appartamenti all’interno di comprensori a picco sul mare e parco all’interno di residence di lusso con condomini paragonabili ad affitti di locazione, sempre senza un posto privato dove parcheggiare l’automobile che in un luogo in cui hanno costruito alle pendici della roccia, questa come minimo ti occorre per fare la spesa anche perché in alternativa oltre alle stradine tortuose puoi percorrere le scalinate che si arrampicano dal porto sino in cima alla collina, milioni di gradini, quindi abitazione senza posto auto privato neanche a parlarne,  si potrebbe parcheggiare lungo strada ma sfido chiunque a trovare un posto e quelli disponibili sono a pagamento orario.

Demoralizzato mi dicono che a Orbetello scalo una famosa impresa di costruzioni romana abbia ultimato un complesso abitativo composto da più palazzi con ogni confort dotati di autorimessa, peccato che non mi abbiano dato i costi al metro quadro pari ad una residenza di lusso nella capitale. Una oasi confinata da abitazioni economiche occupate dagli orbetellani a ridosso del lungo laguna, stile moderno forse anche troppo con prati artificiali e ringhiere di balconi risolte con cavi in acciaio, la pubblicità che leggo sui cartelloni tra le varie cose recita “…a due passi dal porto di Cala Galera”  vedo che la sede legale è in Via dei Colli della Farnesina a Roma, una strada in cui esistono solamente residenze di lusso, quindi molto probabilmente deduco che siano destinati alla borghesia romana dal momento che l’economia della zona di Orbetello basata sulla laguna ed il suo indotto non penso produca stipendi a tanti zeri, quindi per agiati vacanzieri meglio se con barca a seguito.

I giorni di riposo stanno scivolando velocemente e facendo un resoconto mentale penso che la cosa più interessante che abbia veduto sia stato l’incontro con il tipo della vecchia Giulia, la storia di suo fratello che scontento della matrigna la puntò e la mise sotto con la Uno Turbo, ricoverata smise di dilapidare il loro patrimonio e sempre lo stesso dopo avere pagato la colazione per mesi tutte le mattine al bar ad una ragazza e sua madre pensò che la giovane avesse interesse nei suoi riguardi ma una volta propostosi fu cacciato a malo modo, chiese spiegazioni, ricevette una denuncia, i Carabinieri non lo arrestarono per avere investito la donna ma quando gli portarono  l’esposto del suo amore che gli chiedeva di sparire dalla sua vista, innervosito si rivoltò alle guardie e queste lo portarono via, a quel punto si aprirono le porte della prigione.

I contadini del posto sostengono che sia il più intelligente dei fratelli tutti un pochino picchiatelli con una madre morta quando erano ancora troppo giovani ed un padre particolare, ma pensando al suo trascorso e ai fatti accaduti non riesco a giudicarlo in una società di uomini che sempre più spesso prendono e non danno, reazioni dirette come le sue sono certamente sbagliate perché senza molte politiche o fronzoli, oltre la legge ma a volte forse qualcuno dovrebbe spiegare a chi chiede che non si vive solamente per prendere ma anche per dare e le case e gli appartamenti che ho visitato purtroppo erano di quelli che chiedono e basta.

 

Annunci

THE GREAT BEAUTY

The great beauty

I was lucky enough to live the way of Lungara area of Rome in an assiduous when my mother decided to live there.

He lived in Via De ‘Riari, in a building which was once the stable of the family from which the street takes its name that has at once a series of transformations until it reached its present shape in “C” consists of a cloister, which bears two floors above him and a central garden, one side bordering the Botanical gardens and a simple wall divides the two properties; in addition, the Accademia dei Lincei.

I used to go to her at any hour of the week, each time a different air a light that made you always see new things, meet different people, who came home, those who came, who went to work, who opened or closed shop, often we arrived walking to take possession of more than one real Roma, made of narrow streets that look at you and listen, the uneven cobblestones that do not give you a chance to get sidetracked while you are walking, the windows and doors closed to where they feel recite prayers of premises for where between one glass and another sliding the time, the roar of the midday cannon.

The hour and the day that I preferred to get there was early on Sunday morning before the hot, spent the arches of Porta Castello, let the right Via della Conciliazione to San Pietro, went down to the prison of Regina Coeli, to the left of Penance Lane , the intercom, the door that I opened the heavy door, the climb on foot of those stairs thinned quietly to avoid waking Anita Ekberg.

The walk to the 10.30 of the coffee ritual could have two goals, Piazza Santa Maria in Trastevere and Piazza Farnese, it depended very much on the weather conditions, with good weather we preferred cross Sisto Bridge and watch the Tiber island which divides the river stung by seagulls and smoothed roughly somewhere boat, often tourists ask me to take a picture in which I tried to do my best to make them even happier, street vendors they greeted amicably and once forded the river, hot and sweaty we put in the narrow and dark alleys fresh where summer is slow in coming.

The Jewish shops closed portend rest due by the cult of the sale and buy, from Via dei Pettinari wandering through the narrow Via Capo di Ferro on a corner, set in a building with an Ionic column and the license plate of the time in skullcap marble engraved inviting the Romans not to litter the streets, just ahead Palazzo Spada, the road narrows, becoming darker, it is Vicolo dei Venti, and suddenly a light cut in two a large square with two fountains, Piazza Farnese.

We chilled sitting on those seats consumed by our ancestors in the shadow of the building begun by Sangallo and passed to Michelangelo, Vignola, Della Porta, enjoying the cool morning breeze instead of winter makes you shake your coat and looked towards the bar ” coffee farnese “waiting for the bell of the sisters’ house in Santa Brigida we scandisse the time to go to consume the longed foamed cafe where often you could see Fuksas or meet Luca Cordero di Montezemolo bike that I presented to my mother proud of her son ; Checkout now no longer spoke, and I was paying the old bartender with dexterity and memory, there was preparing usual corner waiting for the tip and our compliments that are always not late in coming.

Leaving apply gaze to the bright facade masterfully composed of architectural elements that thanks to golden proportions have made timeless a palace and a square in my opinion among the most beautiful in the world, a cellist began to play at the sound of the rushing water of fountains from the baths of Caracalla, the children turned round with bicycles, the priests made their way to eat breakfast after the celebration of masses.

With the bad weather we pulled headed to Santa Maria in Trastevere, the “coffee Marzio”, where the few interior tables were eaten coffee with cream making acquaintance with local residents, artists and pseudo artists, older women much rigged with an uncertain past, of young couples families living in small houses with rents from a few euro stuck for years and never received and implemented executive evictions, interesting conversations over AS Roma with the manager, Fabio, which gave the local flavor of familiarity and at the same time the authority ; with the passage of the half-hours were changing customers, the people gave way to foreigners, men vintage men with young women and foreign tourists to discover the Capuchins.

In the spring we met groups of young priests and nuns who like butterflies with angelic faces greeted you as they went running back to their life of obedience, chastity and poverty, all of a sudden the noise of empty bottles discharged from the bins inside the truck garbage left during the revelry by night owls made you wince and realize that you could prepare to spend another night of fun.

The return was between Sant’Egidio and the Vicolo de Cedro, the Leopardo, where the doors open and dark with steep stairs came out cold drafts, Via Benedetta with clothes hanging between the halls, Santa Dorotea where the priest celebrating in open court was trying to capture of passage faithful, then he left the statue of Belli and passed under the arch of Porta Settimiana to take the Lungara for a return often difficult since we stopped to talk to one of the descendants of the De’Riari with family where they exchanged ceremonious compliments, with Cardinal Julian Herranz Casado right arm of Pope Benedict XVI° and his blessings, with the countess and her team as she called it, a number of Indians with responsibility for his life, or with Giuliano Gemma the little dog; our unstable steps on the dark stone furniture slabs that cover the sidewalks were interrupted by the demands of tourists with colored maps in hand … and when I looked up I knew that beneath those plane trees blowing in the wind there was that silent river where I was born which he has rocked and listened to me for thirty years, in front of me was visible right down at the bottom, so that arc millions of faithful have come, is and will be and that will lead them to the holy city, “the great beauty”.

 

La grande bellezza

Ho avuto la fortuna di vivere la zona di via della Lungara a Roma in maniera assidua quando mia madre decise di trasferircisi.

Abitava in Via De’ Riari, in un palazzo una volta scuderia della famiglia da cui la via prende il nome che ha sùbito una serie di trasformazioni sino ad assumere l’attuale conformazione a C composta da un chiostro che sopporta due piani sopra di sé ed un giardino centrale, un lato confina con l’Orto Botanico ed un semplice muro divide le due proprietà; oltre, l’Accademia dei Lincei.

Mi capitava di passare da lei in qualsiasi ora della settimana, ogni volta un’aria diversa una luce che ti faceva scorgere sempre cose nuove, incontrare persone diverse, chi rincasava, chi usciva, chi andava a lavoro, chi apriva o chiudeva bottega, spesso ci arrivavo camminando per appropriarmi di più di quella Roma vera, fatta di vicoli che ti guardano e ascoltano, di sanpietrini dissestati che non ti danno la possibilità di distrarti mentre cammini, di finestre e portoni chiusi da dove si sentono recitare preghiere, di locali in cui tra un bicchiere ed un altro si fa scorrere il tempo, del boato del cannone di mezzogiorno.

L’ora ed il giorno in cui preferivo raggiungerla era la domenica mattina presto, prima del caldo, passavo gli archi di Porta Castello, lasciavo sulla destra Via della Conciliazione con San Pietro, scendevo verso il carcere di Regina Coeli, sinistra verso Vicolo della Penitenza, il citofono, la portiera che mi apriva il pesante portone, la salita a piedi di quei scalini assottigliati senza fare rumore per non svegliare Anita Ekberg.

La passeggiata per il rituale del caffè delle 10.30 poteva avere due mete, Piazza Santa Maria in Trastevere o Piazza Farnese, dipendeva molto dalle condizioni metereologiche, con il bel tempo preferivamo oltrepassare ponte Sisto e guardare l’isola Tiberina che divide il fiume punzecchiato dai gabbiani e allisciato da qualche battello, spesso i turisti mi chiedevano di scattargli una foto in cui cercavo di dare il meglio per renderli ancora più felici, i venditori di strada ci salutavano amichevolmente e una volta guadato il fiume, accaldati ci infilavamo nei stretti vicoli bui e freschi dove l’estate tarda ad arrivare.

I negozi giudaici chiusi lasciano presagire il riposo dovuto dal culto della vendita e dell’affare,  da Via dei Pettinari girando per la stretta Via Capo di Ferro su di un angolo, incastonata in un edificio una colonna ionica e la targa dell’epoca papalina in marmo inciso che invita i romani a non sporcare le strade, poco più avanti Palazzo Spada, la via si ristringe divenendo più buia, è Vicolo dei Venti e all’improvviso una luce taglia in due una grande piazza con due fontane, Piazza Farnese.

Ci riposavamo seduti su quei sedili consumati dai nostri avi all’ombra dell’edificio iniziato da Sangallo e passato a Michelangelo, Vignola, della Porta, godendo del fresco venticello mattutino che invece d’inverno ti fa stringere il cappotto e guardavamo verso il bar “caffè farnese”  aspettando che la campana della casa delle suore di Santa Brigida ci scandisse il tempo per andare a consumare l’agognato caffè schiumato dove spesso si poteva vedere Fuksas o incontrare Luca Cordero di Montezemolo in bicicletta che presentai a mia madre fiera di suo figlio; alla cassa oramai non parlavo più, mentre pagavo l’anziano barista  con destrezza e memoria ci apparecchiava al solito angolo aspettando la mancia e i nostri complimenti che puntualmente non tardavano ad arrivare.

Uscendo rivolgevamo lo sguardo verso quella chiara facciata composta magistralmente da elementi architettonici che grazie a proporzioni auree hanno reso senza tempo un palazzo ed una piazza a mio avviso tra le più belle del mondo, una violoncellista iniziava a suonare con il sottofondo dello scorrere delle acque delle fontane provenienti dalle terme di Caracalla, i bambini giravano in tondo con le biciclette, i preti si avviavano a consumare la colazione dopo la celebrazione delle messe.

Con il brutto tempo si tirava diretti verso Santa Maria in Trastevere, al caffè di Marzio, dove ai pochi tavolini interni si consumavano i caffè con panna facendo conoscenza con gli abitanti del quartiere, artisti o pseudo artisti, donne anziane molto truccate dal passato incerto, famiglie di giovani coppie che abitavano in case di zona con affitti da pochi euro bloccati da anni e sfratti esecutivi mai ricevuti e attuati, interessanti conversazioni sulla AS Roma con il direttore, Fabio, che dava al locale un sapore di famigliarità ed al contempo di autorevolezza; con il passare delle mezz’ore i clienti cambiavano, gli abitanti lasciavano il posto ai forestieri, uomini attempati con giovani donne e turisti stranieri alla scoperta dei cappuccini.

Nelle primavere incontravamo gruppi di giovanissimi preti e suorine che come farfalle con facce angeliche ti salutavano mentre andavano di corsa verso la loro vita fatta di obbedienza, castità e povertà, ad un tratto il frastuono delle bottiglie vuote scaricate dai cassonetti all’interno del camion della nettezza urbana lasciate durante i bagordi dai nottambuli ti facevano sobbalzare e capire che ci si poteva preparare a passare un’altra notte di divertimento.

Il ritorno era tra Sant’Egidio e i Vicoli del Cedro, del Leopardo, dove dai portoni aperti e scuri con le scale ripide uscivano correnti fredde, Via Benedetta con i panni stesi tra i palazzetti, Santa Dorotea dove il prete celebrando a porte aperte tentava di catturare i fedeli di passaggio, poi si lasciava la statua del Belli e si passava sotto l’arco della Porta Settimiana per imboccare la Lungara per un ritorno spesso difficile dal momento che ci si fermava a parlare con uno dei discendenti della famiglia De’ Riari con cui si scambiavano cerimoniosi complimenti, con il Cardinale Julian Herranz Casado braccio destro di Papa Benedetto XVI° e le sue benedizioni, con la contessa e la sua squadra come lei la chiamava, una serie di indiani che provvedevano alla sua vita, o Giuliano Gemma con il cagnolino; i nostri passi instabili sui lastroni mobili di pietra scura che ricoprono i marciapiedi venivano interrotti dalle richieste dei turisti con le cartine colorate in mano…e quando guardavo in alto sapevo che sotto quei platani mossi dal vento c’era quel fiume silente in cui sono nato, che mi ha cullato e ascoltato per trent’anni, davanti a me si intravedeva giù giù in fondo, quell’arco per cui milioni di fedeli sono venuti, vengono e verranno e che li condurrà alla città Santa, “la grande bellezza”.

VIA TIBERINA (from Rome to the Third World)

The Via Tiberina was an ancient Roman road, from Rome, up the valley of the Tiber, crossed the Agro-falisco capenate, the Sabina and Umbria, heading Ocriculum.
During the fourth century BC, after the conquest of Veii, the Romans moved to the conquest of the Agro-falisco capenate.
To facilitate access to the territory, they built a road that ran along the river Tiber reusing existing routes.
Today, in the Province of Rome, its location coincides with the SP 15 / A Tiberina.
Originally, the Via Tiberina started from Ponte Sublicio and skirted the west bank of the Tiber.
After the construction of the Via Flaminia (223 or 220 a.c.), from Ponte Milvio and to Prima Porta (For gallinas albas), the path of the two roads was common.
So the Via Tiberina is peeling from the Flaminia just after the bridge over the Fosso di Prima Porta.
After skirting the Tiber on the western shore, he entered the territory capenate, reaching and crossing Lucus Feroniae.
After Ponzano Romano, he went beyond the Tiber (probably by ferry) and, later, it bordered on the east bank. Finally, he joined the Flaminia just south of Ocriculum.
Along the way, there were many villas, of which the most famous is the Villa Volusii of Saturn near Lucus Feroniae.

It is a beautiful sunny day for a late morning in June, the car runs between the curves and the branches of the trees on the roadside that seem to greet each pass.
I note with amazement that the speed limit is 50 km / h as in the city and therefore of reflection I am going to release the accelerator pedal sinking into an accurate view of the neighboring landscape made up of farms abandoned, restored farmhouses, fields, grazing animals.
A bus of ‘a.co.tra.l. It overtakes me at high speed forcing a cyclist on the side of the road and disappears around a bend, that say “and then it comes to road accidents” but behind that curve will begin to see every 50 meters on either side of the two lanes of chairs waiting for someone and then cars parked on the street empty.
Take a few seconds to understand what it is, out of the bushes I see women of all nationalities in a swimsuit and skimpy clothes winking bustling with hair and lipstick by garish colors, continuation and more I get, the more it becomes grotesque, men machine still facing the windows that interact peacefully and in kilometers to come I am faced with ethnic groups from remote continents hungry capitalism, free to show in any way, without any kind of control by the authorities and law enforcement .
I would too, when you spend staring at you in the eye without scruple, cyclists continue to zig zag careless as accustomed, arriving at the roundabout, I continue towards the shopping area of ​​Capena and everything returns to normal, the road becomes again a state of the province, They exceed the mall ARCA and after a few meters I check the right, a man dressed in black with a hat shaking a scoop intimandomi halt.
A patrol of Carabinieri after checking the identity and my nationality begins to control myself by cutting the insurance, the license plate, the libretto, the expiry of the license, the review deadline, the tire, the residence and after retiring for twenty minutes in their self service with all my documents, they come back and finally let me go; … That beautiful Italy … and then we wonder why things do not work here.

VIA TIBERINA (da Roma al terzo mondo)

La via Tiberina era un’antica strada romana, che da Roma, risalendo la valle del Tevere, attraversava l’Agro falisco-capenate, la Sabina e l’Umbria, puntando verso Ocriculum.
Nel corso del IV secolo a.C., dopo la conquista di Veio, i Romani si mossero alla conquista dell’Agro falisco-capenate.
Per agevolare l’accesso al territorio, essi realizzarono una strada che costeggiava il fiume Tevere riutilizzando percorsi preesistenti.
Oggi, in Provincia di Roma, il suo percorso coincide con la SP 15/A Tiberina.
In origine, la Via Tiberina partiva dal Ponte Sublicio e costeggiava la sponda occidentale del Tevere.
Dopo la realizzazione della Via Flaminia (223 o 220 a.C.), da Ponte Milvio e fino a Prima Porta (Ad gallinas albas), il percorso delle due strade era comune.
Quindi, la Via Tiberina si staccava dalla Flaminia subito dopo il ponte sul Fosso di Prima Porta.
Dopo aver costeggiato il Tevere sulla sponda occidentale, entrava nel territorio capenate, raggiungendo ed attraversando Lucus Feroniae.
Dopo Ponzano Romano, oltrepassava il Tevere (probabilmente mediante traghetto) e, in seguito, lo costeggiava sulla sponda orientale. Infine, si ricongiungeva alla Flaminia poco a sud di Ocriculum.
Lungo il suo percorso, sorgevano innumerevoli ville, delle quali la più celebre è la Villa dei Volusii Saturnini nei pressi di Lucus Feroniae.

È una bella giornata di sole di una tarda mattinata di giugno, la macchina scorre tra le curve e la fronde degli alberi a bordo strada che sembrano salutarmi ad ogni passaggio.
Noto con meraviglia che il limite di velocità è di 50 km/h come in città e quindi di riflesso mi appresto a rilasciare il pedale dell’acceleratore sprofondando in una visione accurata del paesaggio limitrofo composto da aziende agricole abbandonate, casali ristrutturati, campi coltivati, animali al pascolo.
Un autobus dell’ a.co.tra.l. mi sorpassa ad alta velocità costringendo un ciclista sul ciglio della strada e sparisce dietro una curva, che dire “e poi si parla di incidenti stradali” ma dietro quella curva si iniziano a vedere ogni 50 metri su entrambi i lati delle due corsie di marcia delle sedie in attesa di qualcuno e poi automobili parcheggiate lungo la strada vuote.
Bastano pochi secondi per comprendere di cosa si tratta, dai cespugli vedo uscire donne di ogni nazionalità in costume da bagno e abiti succinti che ammiccano agitandosi con capelli e rossetti dai vistosi colori, proseguo e più vado avanti e più la cosa diventa grottesca, uomini in macchina fermi affacciati dai finestrini che dialogano serenamente e nei chilometri a venire mi trovo di fronte a etnie provenienti da sperduti continenti affamati dal capitalismo, libere di mostrarsi in qualsiasi modo, prive di qualsiasi tipo di controllo da parte delle autorità e delle forze dell’ordine.
Mi sento di troppo, quando passi ti fissano negli occhi senza scrupolo, i ciclisti proseguono a zig zag non curanti come abituati, arrivo alla rotatoria, proseguo verso la zona commerciale di Capena e tutto ritorna nella normalità, la strada ridiventa una statale di provincia, supero il centro commerciale ARCA e dopo pochi metri vedo spuntare dalla destra un uomo vestito di scuro con un cappello che agita una paletta intimandomi l’alt.
Una pattuglia di Carabinieri dopo avere verificato le generalità e la mia nazionalità inizia a controllarmi il tagliando assicurativo, la targa, il libretto, la scadenza della patente, la scadenza della revisione, lo stato dei pneumatici, la residenza e dopo essersi ritirati per venti minuti nella loro auto di servizio con tutti i miei documenti, tornano e finalmente mi lasciano proseguire; …che bell’ Italia…e poi ancora ci chiediamo perché qui le cose non funzionano.

…AS CROCK POTS

While I wait I see them come walking quickly and tense face, get out slowly with face relaxed, they turn a corner one door closes, it’s better when you pass through a hallway or in a back that makes everyone understand where you withdraw from here famous old sign “retreat” replaced by the new “bathrooms” internationalized with “wc”.

If cold and inhospitable can ruin the stay, if there are dirty or narrow escape, when I want to put clean and spacious marbled, we like to stay there and also the exit and if you appreciate in the company if they recognize the quality design.

Who does not remember the bathrooms of the school in which they are consumed the strangest things, the funniest jokes, unexpected encounters with people or things, the surprises fascinating, the bold declarations, he asked for permission to go there when things were bad, we hid in the house when the air was heavy and moving forward with age have become places where we allow love and experimental oddities.

A place where we go back to the primordial and makes us civilized animals who have taught unlike such horses to use a container in which to lay our leftovers, those leftovers that others feel the smell and that our loved ones care for our health; our good depends on something so dirty and smelly that it seems also been extensive study by Freud, great artists have put it in a jar but all are ashamed.

And while keep waiting start to imagine those people who close the door behind them what they can do and have done, something bestial and the task of the designers I believe should just be to give the person who leaves the place time summarize a human attitude in order to enter again between the community, sometimes in offices confidence becomes such that we expect not only at the door but getting out there who adjusts his clothes when leaving the bathroom sometimes puts you in a hallway or in front of the door of an office.

So here we are at the planning dilemma: dressing areas and filtering to decompress or direct inputs?

It is said that in the 700 princely palaces of the bathroom consisted of a beautiful large frescoed room where during the holidays metal receptacles were overflowing onto the floor because of the use by many guests and attendants were assigned to the emptying of the same that was made directly from the windows.

Then our predecessors were concerned to resolve the problem before forcing infectious to equip each pot, drain into the sewer and then slowly make the room too warm and quiet.

I think the right approach to take is that of filtering zone isolated from an anteroom, where ever you can and where it is not it is hoped that the users have incoming and outgoing face as a “crock pot” because it is not transparent act that unites us to the beasts that we are.

…COME VASI DI COCCIO

Mentre aspetto li vedo entrare con passo rapido e faccia tesa, uscire lentamente con viso rilassato, girano un angolo si chiude una porta, quando va meglio si infilano in un corridoio o in un retro che fa capire a tutti dove ci si ritira da qui il famoso vecchio cartello “ritirata” sostituito dal nuovo “bagni” internazionalizzato con “wc”.

Se freddi e inospitali possono rovinare la permanenza, se sporchi o stretti ci fanno scappare, vuoi mettere quando sono ampi puliti e marmorizzati, ci fa piacere anche soggiornarvi ed all’uscita si apprezzano e se in compagnia se ne riconoscono le qualità progettuali.

Chi non ha ricordi dei bagni di scuola in cui si sono consumate le cose più strane, gli scherzi più divertenti, gli incontri inaspettati con persone o cose, le sorprese affascinanti, le audaci dichiarazioni, si chiedeva il permesso per andarci quando le cose si mettevano male, ci si nascondeva quando in casa l’aria si faceva pesante e andando avanti con l’età sono divenuti posti in cui ci si concedono stranezze amorose e sperimentali.

Un posto in cui torniamo alla primordialità e ci rende animali civilizzati a cui hanno insegnato a differenza ad esempio dei cavalli ad utilizzare un contenitore in cui deporre i nostri avanzi, quegli avanzi di cui gli altri sentono l’odore e di cui i nostri cari si preoccupano per la nostra salute; il nostro bene dipende da un qualcosa di così sporco e male odorante che sembra si stato ampio studio anche da parte di Freud, grandi artisti l’hanno messa in un barattolo ma tutti se ne vergognano.

E mentre continuo ad aspettare inizio ad immaginare quelle persone che si chiudono la porta alle spalle cosa possano fare ed avere fatto, qualcosa di bestiale e il compito dei progettisti a mio avviso dovrebbe proprio essere quello di dare alla persona che abbandona quel posto il tempo di riassumere un atteggiamento umano per potersi inserire di nuovo tra la comunità, a volte negli uffici la confidenza diventa tale che non solo ci aspettiamo davanti alla porta ma uscendo c’è chi si aggiusta i vestiti quando a volte l’uscita dal bagno ti proietta direttamente in un corridoio o di fronte la porta di un ufficio.

Quindi ecco che siamo arrivati al dilemma progettuale: antibagni e zone di filtraggio per decomprimere o ingressi diretti?

Si racconta che nei palazzi principeschi del 700 la sala da bagno era costituita da una bellissima grande stanza affrescata dove durante le feste i recipienti di metallo traboccavano sul pavimento a causa dell’utilizzo da parte dei molti ospiti e inservienti erano addetti allo svuotamento degli stessi che veniva effettuato direttamente dalle finestre.

Quindi i nostri predecessori si sono preoccupati di risolvere prima il problema infettivo obbligando di dotare ogni vaso, di scarico in fogna e poi piano piano di rendere la stanza anche accogliente e riservata.

Credo che il giusto indirizzo da seguire sia quello della zona di filtraggio isolata da un antibagno, sempre dove è possibile e dove non lo è si spera che i fruitori abbiano in entrata ed in uscita la faccia come un “vaso di coccio” perché non traspaia quell’atto che ci accomuna alle bestie che siamo.

Analisi del 2014

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2014 per questo blog.

Ecco un estratto:

Un “cable car” di San Francisco contiene 60 passeggeri. Questo blog è stato visto circa 610 volte nel 2014. Se fosse un cable car, ci vorrebbero circa 10 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

BREAKE THE BOXES

I get up, I get out of a box and step into another, then I open a couple to eat, the other two to get dressed and ran a box hanging by a thread leads me in a box in the ground.
Within in a box with wheels to occupy a space in a box.
Work through boxes technologically advanced project which other sets of cans, boxes, boxes to more or less plans, more or less complex in which we try to make sense.
Return in the box with wheels and an identification number that distinguishes me from the other to return to the starting box, where will rest listening to a box that emits sounds or by looking on another emitting images.
Before falling asleep I reflect and think about all the boxes that are surrounding me, of every kind and every form, but boxes that have only one purpose, the preservation of man, his defense and protection, but from what since whatever its end is written from birth and in whatever way you decide to always end in a damn box you will go.
Yes, damn, damn it as the limit that gives me this carcass evolved since even that faculty which I was assigned that makes me more evolved animal is also contained her in a box of a delicacy fetched. A limit that allows me to understand that although it may apply myself daily nonstop to why and the how, there is always a non-answer I defeats.
But I think I have something figured out, until we shall consist only of the flesh we need to live protected and how we can still indulge us continue to build simple boxes and boxes of just how simple it is … our stay in this great and wonderful banality.

MI SONO ROTTO LE SCATOLE

Mi alzo, esco da una scatola e passo in un’altra, poi ne apro un paio per mangiare, altre due per vestirmi e di corsa una scatola appesa ad un filo mi porta in uno scatolone sotto terra.
Entro in una scatoletta con le ruote per andare ad occupare uno spazio in uno scatolone.
Lavoro grazie a scatole tecnologicamente avanzate con cui progetto altri insiemi di scatolette, scatole, scatoloni a più o meno piani, più o meno complessi a cui cerchiamo di dare un senso.
Rientro nella scatoletta con le ruote ed un numero identificativo che mi contraddistingue tra le altre per tornare nella scatola di partenza, in cui riposerò ascoltando una scatola che emette suoni o guardandone un’altra che emette immagini.
Prima di addormentarmi rifletto e penso a tutte le scatole che mi stanno circondando, di ogni tipo ed ogni forma, ma scatole che hanno un solo fine, la preservazione dell’uomo, la sua difesa e protezione, ma da cosa dal momento che comunque sia la sua fine è scritta sin dalla nascita e in qualunque modo si decida di finire sempre in una maledetta scatola si andrà.
Si, maledetta, come è maledetto il limite che questa carcassa evoluta mi concede dal momento che anche quella facoltà che mi è stata attribuita che mi rende più evoluto degli animali è contenuta anche lei in una scatola di una delicatezza inverosimile. Un limite che mi permette di capire che nonostante possa applicarmi quotidianamente senza sosta al perché ed al per come, c’è sempre una non risposta che mi sconfigge.
Ma qualcosa penso di avere capito, sino a quando saremo costituiti solamente di carne ed ossa avremo necessità di vivere protetti e per quanto ci potremo ancora sbizzarrire continueremo a costruire scatole delle semplici scatole e basta…come semplice è la nostra permanenza in questa grande e stupenda banalità.

VIA DI SAN VALENTINO, FOR A FEW CLOSE

What do you think …?
They might agree to go, but tell me, at this very moment do you miss the most?
Ansedonia … the beach.
It is also true to me, if you think that only yesterday at this time we were in the cool water.
I understand why … but every time I try to make a speech that you think women try to distract postponing your responsibility to man, answering simply are concordant.
In the meantime, interested in showing me I pretend to concentrate on the road, the little toy car strives to bring in top of the climb, the closeness among the buildings prevents filter the sun’s rays of 18:30, as often happens to me the sound of a voice starts to make me the background and slowly enter my world of questions and because of that I try to give answers often unsatisfactory in my opinion; how can palaces perched on a hill with facades few meters away from each other, entrances and common areas bordering cut to the bone may have one of the greatest values on the market square in Rome.
One by one the cars parked in the infinity edge on both sides attacked each other, I see the light and finally we arrived at the junction with Via di San Valentino, I am forced to slow down and stop, summer intersections are the most dangerous , both silent look first on the right and then on the left and we are watching the scene that presents itself: a he and a she got out of their modern BMW, he speaks animatedly wearing a T-shirt, shorts and slippers sea while she disregard pulls back her long dark hair, tanned body, the beach towel on the shoulder with off in a bikini made up bra and tanga blacks that highlight a physical twenties statuary.
Remain firm without words, we look in the eye and dividing comment on the scene.
Mistress of the place which belongs to all citizens, but really belongs only to a certain class of people who can handle it, keep it, inherit it, restore it, where there are beautiful cars, beautiful women, handsome men who are always laughing, behave as poor , ask for the discount, be happy even in sadness and loneliness, they learn from an early age to make his face hard when you request it and to surround by beautiful things and great minds.
She had returned from the sea, he still felt in his beach house and started from the sidewalk, where it is as a child took her with the stroller where she walked hand in hand with parents and you are given appointments with friends, is accompanied and take, the house extends the block, the mind breaks down the walls that divide the hollow interior with the exterior by creating this thread that you could find in Rome after the war in full reconstruction where the barracks were mingled with the buildings still unfinished neo-realist film told from where the train Rome-Ostia granted those days on the beach to the people who thronged its cars by becoming the capital of a maritime city, but this time in 50 years on the characters change, not more caricatured and grotesque so-called “paccottari”, but the products of the new youth flawless genetically improved and refined in a neighborhood of former hierarchs and powerful today that rained works by leading modern architects, Ridolfi, Lombardi, Luccichenti, Monaco, Busiris Vici, where the avant-garde experimentation gave the best of themselves in a few square meters, a tangle of balconies, entrances, windows, stained glass, full and empty forms that accompany you until the Faculty of Valle Giulia.
What made me realize the image of that girl .. that to live in certain places you have to have the confidence that you can have and grow day after day only if we are born and grow up, if you receive it: that kind of property is not for all, you can enrich, buy an apartment, live in, but you’ll never be part of that social fabric.
In ancient Rome, a slave could redeem their freedom in various ways and continue its existence by man freed, but not “free.”

VIA DI SAN VALENTINO, PER POCHI INTIMI

…cosa ne pensi?
Si sono concorde potrebbe andare, ma dimmi, in questo preciso istante cosa ti manca di più?
…la spiaggia di Ansedonia.
È vero anche a me, se pensi che solamente ieri a quest’ora eravamo dentro l’acqua fresca.
…ho capito ma perché ogni volta cerco di fare un discorso che ritieni femminile provi a distogliermi rimandando le tue responsabilità di uomo, rispondendo semplicemente sono concorde.
Nel frattempo dimostrandomi interessato faccio finta di concentrarmi sulla strada, la piccola macchinina si sforza per portarci in cima alla salita, la vicinanza tra i palazzi impedisce il filtrare dei raggi del sole delle 18.30, come spesso mi accade il rumore di una voce inizia a farmi da sfondo e piano piano entro nel mio mondo fatto di domande e di perché a cui tento di dare delle risposte spesso a mio giudizio insoddisfacenti; come è possibile che palazzi arroccati su di una collina con facciate distanti pochi metri l’una dall’altra, ingressi confinanti e spazi comuni ridotti all’osso possano avere uno dei maggiori valori di mercato sulla piazza romana.
Una ad una sfioro le auto parcheggiate in salita su ambo i lati attaccate tra loro, vedo finalmente la luce e siamo arrivati all’incrocio con via di Via di San Valentino, sono costretto a rallentare e fermarmi, d’estate gli incroci sono maggiormente pericolosi, entrambi silenti guardiamo prima sul lato di destra e poi su quello di sinistra e rimaniamo ad osservare la scena che ci si presenta: un lui ed una lei scesi dalla loro moderna BMW, lui le parla animatamente indossando una maglietta, dei pantaloncini e ciabatte da mare mentre lei con non curanza si tira indietro i lunghi scuri capelli, il corpo abbronzato, il telo da spiaggia sulla spalla con in dosso un bikini composto da reggiseno e tanga neri che mettono in evidenza un fisico ventenne statuario.
Rimaniamo fermi senza parole, ci guardiamo negli occhi e ripartendo commentiamo la scena.
Padrona di quel posto che è di tutti i cittadini ma appartiene veramente soltanto ad una certa classe di persone che possono gestirlo, mantenerlo, ereditarlo, ristrutturarlo, in cui ci sono belle automobili, belle donne, begli uomini che devono sempre ridere, comportarsi da poveri, chiedere lo sconto, essere felici anche di tristezze e solitudini, che imparano sin da piccoli a fare la faccia dura quando lo si richiede ed a contornarsi di belle cose e di menti eccelse.
Lei era tornata dal mare, si sentiva ancora in spiaggia e casa sua iniziava dal marciapiede, è dove sin da bambina la portavano con il passeggino dove ha camminato mano nella mano con i genitori e si è data gli appuntamenti con gli amici, si fa accompagnare e prendere, la casa si prolunga all’isolato, la mente abbatte quelle pareti di forati che dividono gli interni con gli esterni creando quel filo conduttore che si poteva trovare nella Roma del dopo guerra in piena ricostruzione in cui le baracche si confondevano con le palazzine ancora non finite raccontate dal cinema neo realista, dove il trenino Roma-Ostia concedeva quelle giornate di mare al popolo che affollava i suoi vagoni facendo diventare la capitale una città marittima ma questa volta a distanza di 50 anni i personaggi cambiano, non più caricaturati e grotteschi i così detti “paccottari”, ma prodotti di quella nuova gioventù senza imperfezioni geneticamente migliorata e raffinata in un quartiere di ex gerarchi e potenti di oggi in cui fioccano opere dei maggiori architetti moderni, Ridolfi, Lombardi, Luccichenti, Monaco, Busiri Vici, dove la sperimentazione delle avanguardie ha dato il meglio di se in pochissimi metri quadrati, un groviglio di balconi, ingressi, finestre, vetrate, forme piene e vuote che ti accompagnano sino alla Facoltà di Valle Giulia.
Cosa mi ha fatto capire l’immagine di quella ragazza.. che per vivere in determinati posti si deve avere quella sicurezza che puoi avere e coltivare giorno dopo giorno solamente se ci nasci e cresci, se la ricevi: quel tipo di proprietà non è per tutti, ti puoi arricchire, acquistare un appartamento, viverci, ma non sarai mai parte integrante di quel tessuto sociale.
Nell’antica Roma uno schiavo poteva riscattare la propria libertà in vari modi e continuare la sua esistenza da uomo liberato, ma non “libero”.

V.LE CORTINA D’AMPEZZO IN ROME FOR RENT

As always, I wake up early in the morning, make coffee while I look at the calendar, the period of the move is coming, we will change the house, you will have new neighbors, new people will keep us from behind the glass hopeful blacks to understand who you might be and what you can do and “how come he lives with that woman and why they do this or that …”, part of my gypsy blood by Torturro and the wanderings of the father of my grandfather from site to site for the construction of the railway Florence – Roma and Roma – Viterbo, makes that makes me unable to stop in a sedentary in one place.
Around the coffee, I think of all the houses that I have changed, the people I met, the owners, administrators, their questions, their faces, the old surveyor of highways engineer who everyone called early in the morning with the bitter cold day warmed me with his stories of the past until our ways parted at the junction of Via Stresa corner of the “residence camilluccia”, a masterpiece signed by the young architects’ group Stass “at the end of the sixties, I visited it in 2009 driven by the desire to live in an architecture unique in the Roman Empire which unfortunately has not been any improvement and therefore not very hospitable but of great charm.
This time the search for a new home began with a long time in advance for various reasons and one of these was also to be able to get to know the buildings in which perhaps would never have had the chance to set foot.
The area affected was that of Viale Cortina d’Ampezzo, focusing on the high street, excluding the ground floors and areas poorly suited to car parking on the street.
The determining factors in the choice have also been the plan, exposure to the sun, the share of the settlement level than the two valleys side, one of which housed the river Tiber with hydrogeological landslides and earthquakes changed its course in the coming centuries to what we see today.
The search lasted about seven months, I have visited a dozen apartments that would respond to the main features sought without regard to the rest, which led to a careful selection that left me torn between two units.
In the end the choice fell on one of the two thanks to the seriousness of the owner of one of these.
I reflect on what I really saw …
So many people including high housing units divided and converted into several apartments, a former wash Monthly manufactured illegally and then regularized proposed as penthouses, residential apartments where the kitchen was not foreseen if not in small part with any appliance without hoods or dedicated windows and existing ones with unique glass and frames in douglas or iron, ruined. The doors, rarely armored, with a maximum of two locks, the walls do not always whitewashed and painted if they are subject to condensation and mold, security grilles often missing alarms and even the shadow. The systems all without certification, gas boilers lacking the maintenance booklets, cars with trapezoids.
All at times peppered with sellers who tell you that your property will start from where the keeper and his salutation from the input forward you can enjoy the place you live in that part belongs to you and that you will pay on time, however, the rate monthly, in cases where the keeper was foreseen the situation was convenient from an economic case but look at the monthly cost of the rent was higher, result: same total amount of rental and condominium, with or without a goalkeeper.
Furniture …
most of the apartments visited predict that the occupants eat outside the home, since the kitchens if present are poorly equipped and poorly studied, or alternatively to purchase a kitchen to fit and then take away at his own expense.
As far as beds and sofas, all very used and consumed, washers as an option, refrigerators for Snow White (Biancaneve) and the seven dwarfs even the shadow of a dishwasher including attacks.
Radiators for heating of the older generation, if lucky box- walls, attics without any form of insulation, flooring older than thirty years.
At this point those who are not will be asked to Rome, but in that area will never be this Viale Cortina d’Ampezzo?
It is a residential area that stretches north to Rome from Monte Mario and precisely from Via del Forte Trionfale down until Piazza Giochi Delfici, is home to professionals and traders, nowadays the average sales price of real estate fluctuates between 6000/7000 € x m2 and a house of 40 m2 for rent can range from 750 to 850 Euros per month without parking.
Within the extensive ski passes one on the main bus route reserved for students up to the age of thirteen, domestic helpers and domestic ethnic groups, the rest of the local population moves cars including students after thirteen years.
I am staring into the garden in front of the house, the coffee is now cooled, the sun touches the curtain of the building revealing the skin of a reptile and I wonder … but then if there are many buses and all domestic residents possess at least one car since the shops are distant, the above average prices suggest a very exclusive area, the apartments if you do not travel on fractional sizes ranging from 120 to 160 m2, then why have only seen things that are not even in a definite place in the elite like this?
Because in my opinion we have the usual, in Rome there is the culture of the rent (rent = profit).
In the capital lease houses were always expensive even during the period of ancient Rome, the islets often caught fire because unhealthy and unsafe, Michelangelo himself complained to the landlord because it was raining in the house and despite the past millennia, the situation has not changed at all, the one who proposes to lease the house is not considered a duty to give back something to payout a technically sound and decent pace with the times and if he were to be required, this would be used as a pretext for ‘rent increase.
I drink my coffee and in the end I understand that in the house where I’m going the right balance has been achieved, at least for what concerns me, but I ask myself the same question:
when you change something in this city “ETERNAL”?
We all sat around the table of the studio with views of Monte Mario, the estate agent reads the contract that we are going to sign, ask me to repeat a few things and do it, I say that they were not part of the deal, they answer that it is a mere formality , temporarily suspend the negotiations, which will go bankrupt the next day.
If it was as they contend, a mere formality, we would have concluded the deal …
When you change something in this “HUMAN BEING”?

Viale Cortina d’Ampezzo a Roma, in affitto

Come sempre mi sveglio la mattina presto, mentre preparo il caffè guardo il calendario, sta arrivando il periodo del trasloco, si cambierà casa, si avranno nuovi vicini, ci osserveranno nuove persone da dietro i vetri neri speranzose di capire chi tu possa essere e cosa tu possa fare e “come mai vive insieme a quella donna e perché fanno quello o quell’altro…”, parte del mio sangue gitano da parte dei Torturro ed il peregrinare del padre di mio nonno da cantiere a cantiere per la realizzazione della ferrovia Firenze – Roma e Roma – Viterbo, fa si che mi renda incapace di fermarmi in maniera stanziale in un posto.
Giro il caffè, mi vengono in mente tutte le case che ho cambiato, le persone che ho conosciuto, i proprietari, gli amministratori, le loro domande, le loro facce, il vecchio geometra di autostrade che tutti chiamavano ingegnere che al mattino presto con il freddo pungente mi scaldava la giornata con i suoi racconti del passato sino a quando le nostre strade si dividevano al bivio di via Stresa all’angolo del “residence camilluccia”, il capolavoro firmato dai giovani architetti “gruppo stass” alla fine degli anni sessanta, che ho visitato nel 2009 perché spinto dal desiderio di abitare in un’architettura unica nel panorama romano che purtroppo non ha subito nessuna miglioria e quindi poco ospitale ma di grandissimo fascino.
Questa volta la ricerca della nuova abitazione è iniziata con molto tempo in anticipo per vari motivi ed uno di questi è stato anche quello di poter conoscere da vicino edifici in cui forse non avrei mai avuto la possibilità di mettere piede.
La zona interessata è stata quella di Viale Cortina d’Ampezzo, concentrando l’attenzione nella parte alta della via escludendo a priori i piani terra e le zone poco adatte al parcheggio auto in strada.
I fattori determinanti nella scelta sono anche stati, il piano, l’esposizione al sole, la quota di livello dell’insediamento rispetto alle due valli alterali, una di queste ospitava il fiume Tevere che con gli smottamenti idrogeologici e tellurici cambiò il suo corso nei secoli arrivando a ciò che oggi vediamo.
La ricerca è durata circa sette mesi, ho visitato una ventina di appartamenti che rispondessero alle caratteristiche principali ricercate senza badare al resto, che ha portato ad una scrupolosa cernita che mi ha lasciato indeciso tra due unità abitative.
Alla fine la scelta è caduta su una delle due grazie alla serietà del proprietario di una di queste.
Rifletto a cosa ho veramente visto…
Tanta gente che propone grandi unità abitative frazionate e trasformate in più appartamenti, ex lavatoi condominiali realizzati abusivamente e poi regolarizzati proposti come attici, appartamenti residenziali in cui la cucina non è stata prevista se non in minima parte con qualche elettrodomestico senza cappe o finestre dedicate e quelle esistenti con unico vetro e telai in douglas o ferro, rovinati. Le porte, raramente blindate, con al massimo due serrature, le pareti non sempre imbiancate e se verniciate perché soggette a muffa e condensa, grate di sicurezza spesso mancanti e di allarmi neanche l’ombra. Gli impianti tutti privi di certificazioni, le caldaie a gas sprovviste dei libretti di manutenzione, posti auto con forme trapezoidali.
Il tutto a volte condito da venditori che ti raccontano che la tua proprietà inizia da dove si trova il portiere e che dal suo saluto sull’ingresso in avanti potrai godere del posto in cui vivi che in parte ti appartiene e che comunque pagherai puntualmente nelle rate condominiali, nei casi in cui il portiere non era previsto la situazione era conveniente sotto il profilo economico ma guarda caso il costo mensile dell’affitto era maggiore, risultato: stessa cifra totale tra affitto e condominio, con o senza portiere.
Arredi…
la maggior parte degli appartamenti visitati prevedono che gli occupanti mangino fuori casa, dal momento che le cucine se presenti sono poco attrezzate e male studiate, o in alternativa che acquistino una cucina da montare e poi portare via a proprie spese.
Per quanto riguarda letti e divani, tutti molto usati e consumati, lavatrici come optional, frigoriferi per i sette nani di Biancaneve e di lavastoviglie neanche l’ombra compresi gli attacchi.
Radiatori per il riscaldamento di vecchia generazione, murature se fortunati a cassetta, solai privi di ogni forma di coibentazione, pavimentazioni vecchie di trenta anni.
A questo punto chi non è di Roma si chiederà, ma in che zona sarà mai questa Viale Cortina d’Ampezzo?
È una zona residenziale verso Roma Nord che si estende da Monte Mario e precisamente da Via del Forte Trionfale verso il basso sino a p.zza Giochi Delfici, ospita professionisti e commercianti, oggi giorno il prezzo medio di vendita immobiliare oscilla tra i 6000/7000 euro x m2 ed una casa di 40 m2 in affitto può andare dai 750 ai 850 euro mensili anche senza posto auto.
All’interno dell’esteso comprensorio passa una sola linea di autobus sull’arteria principale riservata a studenti sino ai tredici anni, colf e domestici di varie etnie, il resto della popolazione del luogo si muove in automobili compresi gli studenti dopo i tredici anni.
Sono con lo sguardo fisso verso il giardino di fronte casa, il caffè si oramai freddato, il sole lambisce la cortina del palazzo lasciando intravedere la pelle di un rettile e mi chiedo…: ma allora se ci sono tanti domestici sui bus e tutti i residenti posseggono minimo un auto dal momento che i negozi sono lontani, i prezzi sopra la media fanno pensare ad una zona esclusiva, gli appartamenti se non frazionati viaggiano su dimensioni che vanno dai 120 ai 160 m2, allora perché ho visto solamente cose che non vanno anche in un posto definito di èlite come questo?
Perché a mio avviso siamo alle solite, a Roma non c’è la cultura dell’affitto, ( affitto = lucro).
Nella capitale le case in locazione sono state sempre costose anche durante il periodo dell’antica Roma, le insule spesso prendevano fuoco perché malsane e poco sicure, lo stesso Michelangelo si lamentava con il padrone perché gli pioveva in casa e nonostante siano passati millenni la situazione non è cambiata affatto, colui che propone la casa in locazione non si ritiene in dovere di concedere dietro riscossione di denaro un qualcosa di tecnicamente valido e decente al passo con i tempi e se gli dovesse essere richiesto, questo verrebbe utilizzato come pretesto per l’aumento del canone.
Bevo il mio caffè e alla fine capisco che nella casa in cui andrò è stato raggiunto il giusto compromesso, almeno per ciò che mi riguarda, ma mi pongo la solita domanda:
quando cambierà qualcosa in questa città “ETERNA” ?
Siamo seduti tutti e cinque intorno al tavolino dello studio con veduta su Monte Mario, l’agente immobiliare legge il contratto che andremo a firmare, chiedo che ripeta alcune cose e lo fa, dico che non erano nei patti, rispondono che è una pura formalità, sospendo momentaneamente la trattativa, che andrà fallita il giorno seguente.
Se fosse stata come da loro sostenuto, una pura formalità, avremmo concluso l’affare…
Quando cambierà qualcosa in questo “ESSERE UMANO” ?

A. BRASINI and P.L. NERVI in Porsche

…is one of those mornings where you start to breathe fresh spring air , the engine from my 924 is around 90 degrees, the optimum oil pressure , Corso Francia avenue is calm and the few cars around me move napping , the steps made famous by the movie of M. Antonioni pulls up on my right.
With a stealthy step form silver -known approaches at my right hand , inviting me to follow her, in a fraction of a second cabin noise in my turn , and before she asks the way to both of them, the complicity of the lights helps us , the cars around thin out , the last hurdle before we introduce us to the Flaminio bridg asked by Mussolini and produced by A. Brasini in memory of the March on Rome , we brake one after another suddenly as a subcompact in the fast lane slows our adrenaline but the whole process takes a fraction of a second , we finally all the way for us.
The Eagles seem to like the bridge turn to our passage , in a few seconds we put on the viaduct designed by PL Nerves in 1960 , I realize that there is a void behind us , my foot could still crush most of the accelerator, are with the fourth gear 993 Carrera makes him and his wing is raised , I look at my speedometer and the distance that slowly we were sharing more and more I realize that he was exceeding the 160 km / h , in the meantime, back to reality , I see the houses of the Olympics by Cafiero , Luccichenti , Monaco , Moretti as a single low parallelepiped block and dome of ‘ Auditorium Parco della Musica by R. Piano comes fast on the left , the road narrows and the center are my nose and its tail , and then I decide to raise the foot , return to me as awakened from a dream , I think in that picture Eng. Nervi that portrays him now elderly and end of their careers under the same overpass where I played football as a child waiting for parents who shopped at the supermarket , we have to play for a few seconds disfigured and transformed into a race track .

A. Brasini e P.L. Nervi in Porsche

…è una di quelle mattine fresche dove si inizia a respirare l’aria di primavera, il motore della mia 924 è intorno ai 90 gradi, la pressione dell’olio ottimale, Via di Corso Francia è calma e quelle poche auto che mi sono intorno si muovono assonnate, la scalinata resa celebre dal film di M. Antonioni sfila piano sulla mia destra.
Con passo felpato una forma d’argento conosciuta si accosta alla mia destra invitandomi a seguirla, in una frazione di secondo i rumori nel mio abitacolo si trasformano e davanti lei chiede strada per tutti e due, la complicità dei semafori ci aiuta, le auto intorno si diradano, siamo all’ultimo ostacolo prima di immetterci sul ponte Flaminio chiesto da Mussolini e realizzato da A. Brasini in memoria della marcia su Roma, freniamo uno dopo l’altro all’improvviso dal momento che una utilitaria in corsia di sorpasso rallenta la nostra adrenalina ma il tutto dura una frazione di secondo, finalmente abbiamo tutta la strada per noi.
Le aquile del ponte sembrano come voltarsi al nostro passaggio, in pochi secondi ci immettiamo sul viadotto progettato da P.L. Nervi nel 1960, mi accorgo che dietro di noi c’è il vuoto, il mio piede potrebbe ancora schiacciare di più l’acceleratore, sono con la quarta marcia il Carrera 993 lo fa ed il suo alettone si alza, guardo il mio tachimetro e dalla distanza che piano piano ci stava dividendo sempre più mi rendo conto che stava superando i 160 km/h, nel frattempo torno alla realtà, vedo le case delle olimpiadi di Cafiero, Luccichenti, Monaco, Moretti come un unico basso blocco parallelepipedo e la cupola dell’ Auditorium Parco della Musica di R. Piano che arriva velocissima a sinistra, la strada si stringe ed al centro ci sono il mio muso e la sua coda ed allora decido di alzare il piede, ritorno in me come svegliato da un sogno, penso a quella foto dell’ing. Nervi che lo ritrae oramai anziano ed a fine carriera sotto lo stesso viadotto in cui da bambino giocavo a pallone aspettando i genitori che facevano la spesa al supermarket, che noi per gioco abbiamo deturpato e trasformato per pochi secondi in una pista da corsa.

SANTA MARIA DELLA PIETA’ IN ROME (ex mental hospital in the province)

I run into this beautiful park for nearly fifteen years,
the first few times I was afraid , even though it was day, the dense vegetation and many trees prevented light to pass , as happens in the woods, the lanes were neglected along with their curbs , benches and fountains were dry concrete and mosaic now abandoned to the elements that surely had consumed what little grace with which they were built in 1914 year of the inauguration of the place.
Texts historians trace the first settlement in 1550, was a plot of land on which to built a core of buildings for the reception of pilgrims , then in 1579 was converted into a residence for the first poor fools to pass then in 1914 as an asylum until 1999 years of the beginning of the transformation that is gradually completed the transfer of the last patients.
I remember the first day that I set foot inside the park I think some of our recent patients without families now older we wandered harmless and one in particular asked me a cigarette every time cross in front of his window even though I answered him that I did not smoke .
Many of the pavilions were abandoned to their fate , roofs collapsed in on themselves , plaster powder, metal windows still broken up into small glasses , fitted with rails and fencing, signs with the indication for elettroshock , the rooms decorated with majolica tiles light blue or white color , other windows were completely walled by armored shutters , everything was intact as in 1914 , also met litters with wooden wheels sunk into the ground.
In 2001, it chose as the location for settle a scene from the film ” il cuore altrove ” by Pupi Avati ,
I did visit the rooms of the buildings to be renovated .
I decided on a series of rooms that were in my case but in one of these there was a large marble at the center of a room laid on a monolith .
The ground marble was the size of a bed and three-quarters of the long side to the center , a through hole .
Who accompanied me said that he would easily moved , I asked him to do it and so they did.
Only years later I realized that this floor was a bed and the room was an operating room, the hole was used to drain fluids during and after surgery.
I can not imagine what could happen inside those walls .
Many of the older neighborhood built in the early sixties around the facility tell the screams coming from the inside of that ‘ ” artificial oasis ,” my mother told me that a lady of the square where we lived at the Ponte Milvio, who worked in the asylum , lingered for weeks on site since it was extremely poorly connected to the city and because of this would have created a second family joining clandestinely with a nurse .
For years, despite cleaning up the park and facilities the locals did not set foot and still struggling .
I am increasingly convinced that the homes built in the early sixties were purchased mainly by those who had direct dealings with the mental hospital and once closed were forced to take with them their loved ones , the operators and the operators in my opinion now sicker than patients themselves had come to be an integral part of the environment without realizing it.
Since then many things have changed, the city rail link has become an underground train , the pavilions have become accommodations , facilities for social, analytical laboratories , listening centers , centers for motor rehabilitation , municipal offices , but also centers for helping to death.
Unlike yesterday, today, it is understood that the thin line between life and death disease should be thinned to allow the man to get over it , and here while you’re jogging, a truck comes out from a lane with other cars in tow, you pass by , came out of the pavilion in which you help to deal with the last days of life with dignity and with the breath while you talk about what happened to you during the week or in the future and hopes, beyond a wall, behind a window , there are those who are preparing for the final passing and I hope that the looks that cross through those glasses blacks as we pass fleetingly , can help us to understand more and more one of the deepest mysteries , the why we were born.

Santa Maria della Pietà in Roma (ex manicomio della provincia)

Corro all’interno di questo bellissimo parco da oramai quindici anni,
le prime volte ero timoroso, nonostante fosse giorno la fitta vegetazione e i tanti alberi impedivano alla luce di passare, come accade in un bosco, i viottoli erano trascurati insieme ai i loro cordoli, le panchine e le fontane asciutte erano in cemento e mosaico oramai abbandonati alle intemperie che inesorabilmente avevano consumato anche quel poco di grazia con cui furono costruiti nel lontano 1914 anno di inaugurazione del posto.
Testi storici fanno risalire il primo insediamento al 1550, fu un appezzamento di terreno su cui realizzarono un nucleo di fabbricati per l’accoglienza dei pellegrini, poi nel 1579 fu trasformato in residenza per i primi poveri pazzi per passare poi nel 1914 come manicomio fino al 1999 anno di inizio della trasformazione in cui si completò gradualmente il trasferimento degli ultimi pazienti.
Ricordo che il primo giorno che misi piede all’interno del parco alcuni degli ultimi pazienti penso privi di famiglie oramai anziani ci vagavano innocui ed uno in particolare mi chiedeva una sigaretta ogni volta passassi di fronte alla sua finestra nonostante gli rispondessi che non fumavo.
Molti dei padiglioni erano abbandonati al loro destino, tetti collassati su loro stessi, intonaci polverizzati, le finestre ancora in metallo suddivise in piccoli vetri, munite di sbarre e reti, cartelli con l’indicazione per l’elettroshock, le stanze rifinite con maioliche dai colori celeste o bianco, altre finestre erano completamente murate da persiane blindate; tutto era rimasto intatto come nel 1914, si incontravano anche lettighe con le ruote in legno sprofondate nel terreno.
Nel 2001 lo scelsi come location per ambientarci una scena del film “il cuore altrove” di Pupi Avati, mi fecero visitare le stanze degli edifici ancora da ristrutturare.
Decisi per una serie di ambienti che facevano al mio caso ma in uno di questi c’era un grande piano in marmo al centro di una stanza poggiato su di un monolite.
Il piano marmoreo aveva le dimensioni di un letto ed a tre quarti del lato lungo al centro, un foro passante.
Chi mi accompagnò disse che lo avrebbe facilmente spostato, gli chiesi di farlo e così fecero.
Solamente anni dopo compresi che quel piano era un lettino e quella stanza era stata una sala operatoria, il foro passante serviva a far defluire i liquidi durante e dopo le operazioni chirurgiche.
Non oso immaginare quello che poteva accadere all’interno di quelle mura.
Molti anziani dell’attuale quartiere sorto nei primi anni sessanta intorno alla struttura raccontano le urla strazianti che provenivano dall’interno di quell’ “oasi artificiale”, mia madre raccontava che una signora del piazzale in cui abitavamo a Ponte Milvio che lavorava nel manicomio, si tratteneva per settimane sul posto dal momento che era estremamente male collegato con la città e proprio per questo avrebbe creato una seconda famiglia unendosi clandestinamente con un infermiere.
Per anni nonostante la bonifica del parco e delle strutture gli abitanti della zona non ci ha messo piede ed ancora oggi stentano.
Sono sempre più convinto che le abitazioni sorte nei primi anni sessanta furono acquistate prevalentemente da coloro che avevano rapporti diretti con il manicomio e una volta chiuso furono costretti a prendere con se i propri cari, gli operatori e le operatrici a mio avviso oramai più malati dei malati stessi erano entrati a fare parte integrante del contesto senza accorgersene.
Da allora molte cose sono cambiate, il treno di superficie di collegamento è divenuto un treno metropolitano, i padiglioni sono diventati strutture ricettive, strutture per il sociale, laboratori di analisi, centri di ascolto, centri per riabilitazioni motorie, uffici comunali, ma anche centri per l’aiuto alla morte.
A differenza di ieri, oggi si è compreso che la sottile linea di demarcazione tra vita malattia e morte deve essere assottigliata per permettere all’uomo di farsene una ragione, ed ecco che mentre fai footing, un autocarro sbuca da un viottolo con delle altre auto al seguito, ti passa accanto, è uscito dal padiglione in cui ti aiutano ad affrontare gli ultimi giorni di vita con dignità e mentre parli con il fiatone di ciò che ti è accaduto durante la settimana o del futuro e delle speranze, al di là di una parete, dietro ad una finestra, c’è chi si sta preparando al trapasso finale e mi auguro che gli sguardi che si incrociano attraverso quei vetri neri mentre passiamo fugacemente, possano contribuire a farci comprendere sempre di più uno dei misteri più profondi, il motivo per cui siamo nati.