As always, I wake up early in the morning, make coffee while I look at the calendar, the period of the move is coming, we will change the house, you will have new neighbors, new people will keep us from behind the glass hopeful blacks to understand who you might be and what you can do and “how come he lives with that woman and why they do this or that …”, part of my gypsy blood by Torturro and the wanderings of the father of my grandfather from site to site for the construction of the railway Florence – Roma and Roma – Viterbo, makes that makes me unable to stop in a sedentary in one place.
Around the coffee, I think of all the houses that I have changed, the people I met, the owners, administrators, their questions, their faces, the old surveyor of highways engineer who everyone called early in the morning with the bitter cold day warmed me with his stories of the past until our ways parted at the junction of Via Stresa corner of the “residence camilluccia”, a masterpiece signed by the young architects’ group Stass “at the end of the sixties, I visited it in 2009 driven by the desire to live in an architecture unique in the Roman Empire which unfortunately has not been any improvement and therefore not very hospitable but of great charm.
This time the search for a new home began with a long time in advance for various reasons and one of these was also to be able to get to know the buildings in which perhaps would never have had the chance to set foot.
The area affected was that of Viale Cortina d’Ampezzo, focusing on the high street, excluding the ground floors and areas poorly suited to car parking on the street.
The determining factors in the choice have also been the plan, exposure to the sun, the share of the settlement level than the two valleys side, one of which housed the river Tiber with hydrogeological landslides and earthquakes changed its course in the coming centuries to what we see today.
The search lasted about seven months, I have visited a dozen apartments that would respond to the main features sought without regard to the rest, which led to a careful selection that left me torn between two units.
In the end the choice fell on one of the two thanks to the seriousness of the owner of one of these.
I reflect on what I really saw …
So many people including high housing units divided and converted into several apartments, a former wash Monthly manufactured illegally and then regularized proposed as penthouses, residential apartments where the kitchen was not foreseen if not in small part with any appliance without hoods or dedicated windows and existing ones with unique glass and frames in douglas or iron, ruined. The doors, rarely armored, with a maximum of two locks, the walls do not always whitewashed and painted if they are subject to condensation and mold, security grilles often missing alarms and even the shadow. The systems all without certification, gas boilers lacking the maintenance booklets, cars with trapezoids.
All at times peppered with sellers who tell you that your property will start from where the keeper and his salutation from the input forward you can enjoy the place you live in that part belongs to you and that you will pay on time, however, the rate monthly, in cases where the keeper was foreseen the situation was convenient from an economic case but look at the monthly cost of the rent was higher, result: same total amount of rental and condominium, with or without a goalkeeper.
Furniture …
most of the apartments visited predict that the occupants eat outside the home, since the kitchens if present are poorly equipped and poorly studied, or alternatively to purchase a kitchen to fit and then take away at his own expense.
As far as beds and sofas, all very used and consumed, washers as an option, refrigerators for Snow White (Biancaneve) and the seven dwarfs even the shadow of a dishwasher including attacks.
Radiators for heating of the older generation, if lucky box- walls, attics without any form of insulation, flooring older than thirty years.
At this point those who are not will be asked to Rome, but in that area will never be this Viale Cortina d’Ampezzo?
It is a residential area that stretches north to Rome from Monte Mario and precisely from Via del Forte Trionfale down until Piazza Giochi Delfici, is home to professionals and traders, nowadays the average sales price of real estate fluctuates between 6000/7000 € x m2 and a house of 40 m2 for rent can range from 750 to 850 Euros per month without parking.
Within the extensive ski passes one on the main bus route reserved for students up to the age of thirteen, domestic helpers and domestic ethnic groups, the rest of the local population moves cars including students after thirteen years.
I am staring into the garden in front of the house, the coffee is now cooled, the sun touches the curtain of the building revealing the skin of a reptile and I wonder … but then if there are many buses and all domestic residents possess at least one car since the shops are distant, the above average prices suggest a very exclusive area, the apartments if you do not travel on fractional sizes ranging from 120 to 160 m2, then why have only seen things that are not even in a definite place in the elite like this?
Because in my opinion we have the usual, in Rome there is the culture of the rent (rent = profit).
In the capital lease houses were always expensive even during the period of ancient Rome, the islets often caught fire because unhealthy and unsafe, Michelangelo himself complained to the landlord because it was raining in the house and despite the past millennia, the situation has not changed at all, the one who proposes to lease the house is not considered a duty to give back something to payout a technically sound and decent pace with the times and if he were to be required, this would be used as a pretext for ‘rent increase.
I drink my coffee and in the end I understand that in the house where I’m going the right balance has been achieved, at least for what concerns me, but I ask myself the same question:
when you change something in this city “ETERNAL”?
We all sat around the table of the studio with views of Monte Mario, the estate agent reads the contract that we are going to sign, ask me to repeat a few things and do it, I say that they were not part of the deal, they answer that it is a mere formality , temporarily suspend the negotiations, which will go bankrupt the next day.
If it was as they contend, a mere formality, we would have concluded the deal …
When you change something in this “HUMAN BEING”?

Viale Cortina d’Ampezzo a Roma, in affitto

Come sempre mi sveglio la mattina presto, mentre preparo il caffè guardo il calendario, sta arrivando il periodo del trasloco, si cambierà casa, si avranno nuovi vicini, ci osserveranno nuove persone da dietro i vetri neri speranzose di capire chi tu possa essere e cosa tu possa fare e “come mai vive insieme a quella donna e perché fanno quello o quell’altro…”, parte del mio sangue gitano da parte dei Torturro ed il peregrinare del padre di mio nonno da cantiere a cantiere per la realizzazione della ferrovia Firenze – Roma e Roma – Viterbo, fa si che mi renda incapace di fermarmi in maniera stanziale in un posto.
Giro il caffè, mi vengono in mente tutte le case che ho cambiato, le persone che ho conosciuto, i proprietari, gli amministratori, le loro domande, le loro facce, il vecchio geometra di autostrade che tutti chiamavano ingegnere che al mattino presto con il freddo pungente mi scaldava la giornata con i suoi racconti del passato sino a quando le nostre strade si dividevano al bivio di via Stresa all’angolo del “residence camilluccia”, il capolavoro firmato dai giovani architetti “gruppo stass” alla fine degli anni sessanta, che ho visitato nel 2009 perché spinto dal desiderio di abitare in un’architettura unica nel panorama romano che purtroppo non ha subito nessuna miglioria e quindi poco ospitale ma di grandissimo fascino.
Questa volta la ricerca della nuova abitazione è iniziata con molto tempo in anticipo per vari motivi ed uno di questi è stato anche quello di poter conoscere da vicino edifici in cui forse non avrei mai avuto la possibilità di mettere piede.
La zona interessata è stata quella di Viale Cortina d’Ampezzo, concentrando l’attenzione nella parte alta della via escludendo a priori i piani terra e le zone poco adatte al parcheggio auto in strada.
I fattori determinanti nella scelta sono anche stati, il piano, l’esposizione al sole, la quota di livello dell’insediamento rispetto alle due valli alterali, una di queste ospitava il fiume Tevere che con gli smottamenti idrogeologici e tellurici cambiò il suo corso nei secoli arrivando a ciò che oggi vediamo.
La ricerca è durata circa sette mesi, ho visitato una ventina di appartamenti che rispondessero alle caratteristiche principali ricercate senza badare al resto, che ha portato ad una scrupolosa cernita che mi ha lasciato indeciso tra due unità abitative.
Alla fine la scelta è caduta su una delle due grazie alla serietà del proprietario di una di queste.
Rifletto a cosa ho veramente visto…
Tanta gente che propone grandi unità abitative frazionate e trasformate in più appartamenti, ex lavatoi condominiali realizzati abusivamente e poi regolarizzati proposti come attici, appartamenti residenziali in cui la cucina non è stata prevista se non in minima parte con qualche elettrodomestico senza cappe o finestre dedicate e quelle esistenti con unico vetro e telai in douglas o ferro, rovinati. Le porte, raramente blindate, con al massimo due serrature, le pareti non sempre imbiancate e se verniciate perché soggette a muffa e condensa, grate di sicurezza spesso mancanti e di allarmi neanche l’ombra. Gli impianti tutti privi di certificazioni, le caldaie a gas sprovviste dei libretti di manutenzione, posti auto con forme trapezoidali.
Il tutto a volte condito da venditori che ti raccontano che la tua proprietà inizia da dove si trova il portiere e che dal suo saluto sull’ingresso in avanti potrai godere del posto in cui vivi che in parte ti appartiene e che comunque pagherai puntualmente nelle rate condominiali, nei casi in cui il portiere non era previsto la situazione era conveniente sotto il profilo economico ma guarda caso il costo mensile dell’affitto era maggiore, risultato: stessa cifra totale tra affitto e condominio, con o senza portiere.
Arredi…
la maggior parte degli appartamenti visitati prevedono che gli occupanti mangino fuori casa, dal momento che le cucine se presenti sono poco attrezzate e male studiate, o in alternativa che acquistino una cucina da montare e poi portare via a proprie spese.
Per quanto riguarda letti e divani, tutti molto usati e consumati, lavatrici come optional, frigoriferi per i sette nani di Biancaneve e di lavastoviglie neanche l’ombra compresi gli attacchi.
Radiatori per il riscaldamento di vecchia generazione, murature se fortunati a cassetta, solai privi di ogni forma di coibentazione, pavimentazioni vecchie di trenta anni.
A questo punto chi non è di Roma si chiederà, ma in che zona sarà mai questa Viale Cortina d’Ampezzo?
È una zona residenziale verso Roma Nord che si estende da Monte Mario e precisamente da Via del Forte Trionfale verso il basso sino a p.zza Giochi Delfici, ospita professionisti e commercianti, oggi giorno il prezzo medio di vendita immobiliare oscilla tra i 6000/7000 euro x m2 ed una casa di 40 m2 in affitto può andare dai 750 ai 850 euro mensili anche senza posto auto.
All’interno dell’esteso comprensorio passa una sola linea di autobus sull’arteria principale riservata a studenti sino ai tredici anni, colf e domestici di varie etnie, il resto della popolazione del luogo si muove in automobili compresi gli studenti dopo i tredici anni.
Sono con lo sguardo fisso verso il giardino di fronte casa, il caffè si oramai freddato, il sole lambisce la cortina del palazzo lasciando intravedere la pelle di un rettile e mi chiedo…: ma allora se ci sono tanti domestici sui bus e tutti i residenti posseggono minimo un auto dal momento che i negozi sono lontani, i prezzi sopra la media fanno pensare ad una zona esclusiva, gli appartamenti se non frazionati viaggiano su dimensioni che vanno dai 120 ai 160 m2, allora perché ho visto solamente cose che non vanno anche in un posto definito di èlite come questo?
Perché a mio avviso siamo alle solite, a Roma non c’è la cultura dell’affitto, ( affitto = lucro).
Nella capitale le case in locazione sono state sempre costose anche durante il periodo dell’antica Roma, le insule spesso prendevano fuoco perché malsane e poco sicure, lo stesso Michelangelo si lamentava con il padrone perché gli pioveva in casa e nonostante siano passati millenni la situazione non è cambiata affatto, colui che propone la casa in locazione non si ritiene in dovere di concedere dietro riscossione di denaro un qualcosa di tecnicamente valido e decente al passo con i tempi e se gli dovesse essere richiesto, questo verrebbe utilizzato come pretesto per l’aumento del canone.
Bevo il mio caffè e alla fine capisco che nella casa in cui andrò è stato raggiunto il giusto compromesso, almeno per ciò che mi riguarda, ma mi pongo la solita domanda:
quando cambierà qualcosa in questa città “ETERNA” ?
Siamo seduti tutti e cinque intorno al tavolino dello studio con veduta su Monte Mario, l’agente immobiliare legge il contratto che andremo a firmare, chiedo che ripeta alcune cose e lo fa, dico che non erano nei patti, rispondono che è una pura formalità, sospendo momentaneamente la trattativa, che andrà fallita il giorno seguente.
Se fosse stata come da loro sostenuto, una pura formalità, avremmo concluso l’affare…
Quando cambierà qualcosa in questo “ESSERE UMANO” ?

Annunci