VALADIER, ROSSI, GOMEZ AND THE ETERNAL CITY

The appointment is at ten past nine but are already in place.
I leave off the car in the shade of the cypresses and the first thing I think about is the times that I have come to this place every time accompanying then there are people who come to live .
As a child we arrived by tram , it started with my grandfather in the morning on the early and fell at lunchtime , we went to visit my grandmother and the best thing was getting his feet wet in the fountain.
Growing up, with the first car I accompanied my mother to visit my grandfather and my grandmother with annual event until a few months ago.
Today , alone , I came to visit his grandparents , and my mother is coming to live in this condo eternal and silent.
They stole the old lamp out of the bronze , I think that turning to theft since I realize that vintage items are missing like in other places , I remember that a few days ago I read of immigrants arrested for theft of metals.
Not by chance a few minutes later a police car along the avenues to do with slow and suspicion as to make its presence felt .
Mosquitoes begin to surround me , an elderly woman from far away , the people in the other car pass by a tree reading the names of the residents.
The wind blows weak at times , talking to people who attend Lourdes told me that the gust is the presence of the divine, eternal , eternal but now there are only those minutes that separate me from the appointment that I like in a dream hope may never arrive.
The arrival of a man who calls my name makes me fall in reality , it’s there for me and those that clearly articulates reverberate in my heart, behind a guy in a dark suit holds out his hand to me with kindness and respect , saying that to see me dressed in a sporty than the dress worn during the ceremony to recognize the broken .
While talking and I explained the procedure before it gets to the car that accompanies my mother , my thoughts trying to escape and wanders through the designs of Aldo Rossi for the cemetery of San Cataldo in Modena and the photos that I have seen a few days before the Alejandro Gomez on Cementery Chacarita Buenos Aires one shot in black and white columbaria , the same all over the world for centuries , orthogonal grid of the famous square , belonging to mother earth .
Rossi also use the square , even his columbaria are on several levels as in the drawings of Piranesi but a simple form, abandoned towns on the outskirts of the city of the living where man goes objective to establish contact with the afterlife .
But in the Christian religion the soul rises and all the men to their end shall pass away , leaving behind a material life for a spiritual life abandoning their body on this earth, will be embraced by the Lord to give you the true eternal life .
At this point, perhaps to think of it the eternal city are nothing more than man-made sites that give the opportunity to the pain of being less fierce , aggressive, exhausting , and the true believer is one who rejoices at the loss of a loved one and absurd not want to hear about niches , tombs , burials , cremations , but paradoxically when you pass in front of a neglected tomb is thought to measure the good for those loved ones with a parameter that belongs to the material world , so maybe the end of life you should disappear without a photo ceramic with dates and names .
And it is the city that put me back in the bitter reality showing the brass plate where there is a name and a surname with two dates ; grant my consent and again the marble plaque that separates life from death is removed to insert into another guest ,
my mother: is the 25/09/2013 and unfortunately I can not rejoice.

VALADIER, ROSSI, GOMEZ E LE CITTA’ ETERNE

L’appuntamento è alle dieci ma alle nove e trenta sono già sul posto.
Scendo dall’auto che lascio all’ombra dei cipressi e la prima cosa a cui penso è alle volte che sono venuto in questo posto accompagnando ogni volta persone che poi ci sono venute ad abitare.
Da bambino arrivavamo con il tram, si partiva con mio nonno la mattina sul presto e si rientrava all’ora di pranzo, si andava a trovare mia nonna e la cosa più bella era bagnarsi i piedi nella fontana.
Crescendo, con la prima automobile accompagnavo mia madre a trovare mio nonno e mia nonna con ricorrenza annuale sino a pochi mesi fa.
Oggi, da solo, sono venuto a trovare i nonni, e mia madre sta per arrivare per abitare in questo condominio eterno e silenzioso.
Hanno rubato il vecchio lume di bronzo fuso, penso al furto dal momento che girando mi accorgo che oggetti d’epoca simili sono mancanti anche in altri posti, mi ricordo che pochi giorni fa ho letto di extracomunitari arrestati per furto di metalli.
Non a caso dopo pochi minuti un’auto della polizia percorre i viali con fare lento e sospetto come per fare sentire la sua presenza.
Le zanzare mi iniziano a circondare, una donna anziana arriva da lontano, delle persone in macchina passano da un viale all’altro leggendo i nomi dei residenti.
Il vento soffia debole a tratti, parlando con persone che frequentano Lourdes mi hanno raccontato che la folata rappresenta la presenza del divino, dell’eterno, ma ora di eterno ci sono soltanto quei minuti che mi separano dall’appuntamento che come in un sogno mi auguro non possano mai arrivare.
L’arrivo di un uomo che chiama il mio nome mi fa precipitare nella realtà, è lì per me e quelle chiare lettere che scandisce si ripercuotono nel mio cuore, dietro, un tipo vestito di scuro che mi porge la mano con affabilità e rispetto dicendomi che nel vedermi vestito in maniera sportiva rispetto all’abito indossato durante la cerimonia a stentato nel riconoscermi.
Mentre parla e mi spiega la procedura prima che arrivi l’auto che accompagna mia madre, il mio pensiero cerca di fuggire e vaga tra i disegni di Aldo Rossi per il cimitero di San Cataldo a Modena e la foto che pochi giorni prima ho veduto di Alejandro Gomez sul Chacarita Cementery di Buenos aires uno scatto in bianco e nero dei colombari, gli stessi in tutto il mondo da secoli, maglia ortogonale della famosa forma quadrata, l’appartenenza alla madre terra.
Anche Rossi usa il quadrato, anche i suoi colombari sono su più piani come nei disegni del Piranesi ma di una forma semplice, città abbandonate ai margini delle città dei vivi in cui l’uomo va per stabilire un contatto oggettivo con l’aldilà.
Ma nella religione cristiana l’anima risorge e tutti gli uomini alla loro fine trapasseranno lasciandosi alle spalle una vita materiale per una vita spirituale abbandonando il loro corpo su questa terra, saranno abbracciati dal Signore che darà la vera vita eterna.
A questo punto, forse a pensarci bene le città eterne create dall’uomo non sono altro che luoghi che danno la possibilità al dolore di essere meno feroce, aggressivo, logorante e il vero credente è colui che gioisce alla perdita di un proprio caro e per assurdo non vuole sentire parlare di loculi, tombe, inumazioni, cremazioni, ma per paradosso quando si passa davanti ad una tomba trascurata si pensa a misurare il bene per quei cari con un parametro che appartiene a questo mondo materiale, quindi forse alla fine della vita si dovrebbe sparire senza lasciare foto in ceramica e nomi con date.
Ed è proprio il messo comunale che mi fa tornare nell’amara realtà mostrandomi la targa d’ottone dove c’è un nome ed un cognome con due date; concedo il mio consenso ed un’altra volta la lapide marmorea che separa la vita dalla morte viene tolta per inserire all’interno un altro ospite,
mia madre: è il 25/09/2013 e purtroppo non riesco a gioire.

Annunci

VALADIER E VISCONTI IN VIA DEL BABUINO IN ROME

…are the sixteen and fifteen,
I’m early , so I do two steps to get the appointment time in the Way that I beat him since I was teenager , on foot, by bike, by motorcicle , by car and where I did as guide to the friends who have come from outside the Eternal City.
Never before has this narrow street in the center gives me a sense of suffocation certainly due to anxiety appointment with a character who could give me the opportunity to work .
Part-time , push the button on the intercom that I was quickly reported by the secretary on the phone and the door opens with a voice that tells me the plan.
The entrance hall and the rail are similar to those of the building where I live but here at the Milvio Bridge finishes are more valuable , as my habit I climb the stairs slowly paying attention to the worn marble steps that unless they kneel in a well- trodden blink of an eye .
The important double doors that gently ring is solid wood with bosses and lintel , half me is opened by my potential employer that I suck with silence inside closing it behind me.
As I find myself still teaches education and impaled at the entrance waiting for please have a seat that is slow enough so that can turn our gaze to the ceiling of the big square room a little dark and with a quick overview carried out only with the eyes trying to hide the astonishment I realize I’m surrounded by books on all four sides , from the floor to the ceiling as in a library.
Coming from the next room lit by the cold winter light on please have a seat , so I find myself sitting on a couch , classically decorated walls, furniture , lamps, paintings, everything in the era including antique carpets and upholstery of that heavy red Pompeii discolored that had prevented me to look through the stained glass windows of the high before I sat down .
Start the interview working in friendly form , it talks about the film and the era in which he idea to set it , I are shown photographs taken with the scale of books in the great library , we talk about the economic contract and the only thing to which I think intensely is like looking out the window that I unfortunately behind.
The opportunity arises when you call to your desk phone and he is forced to go to another room, I get up and walk over to the old glasses imperfect, I look out and I read a marble plaque affixed to the front of the building in front of which tells the life led by Valadier in the house that he built and where he died and as I read I am reminded of the game that I was at home as a child while waiting for the return of my mother.
Looking out the nose attached to the first glass of the window just after the low sill , his eye was aiming for one of the bubbles of imperfection and moving his head this distorted everything that my eyes met , the game lasted until my grandfather indicated his arrival and also his figure distorted increasingly approached at home.
Apologizing absence , I take position and continue to talk about work but now the thought is another , those who have never lived before him in the house I’m talking about ?
The remaining ten minutes I pose the following questions: ” I ask or not ask ? I could embarrass him because maybe within those walls there is no history worthy of short stories ? It could be a personality greater than he , and then annoy ? ”
I pluck up courage after he called in asking production to prepare the contract and the response leaves me speechless.
Luchino Visconti lived in that house and in that room that he used it as a living room, received his friends and collaborators.
I worked for him about three years before quitting , I designed environments for three films one of which was nominated for the Donatello for Best Art Direction .
I did not return to the house , but that day , retraced Via del Babuino , thinking that , in fact, to breathe an air of culture as a source of artistic inspiration , a house like that can not merely contribute to the development of their own virtue and as a this museum will certainly and rightly handed down to some other great mind .

VALADIER E VISCONTI IN VIA DEL BABUINO A ROMA

…sono le sedici e quindici,
sono in anticipo, così faccio due passi per fare arrivare l’ora dell’appuntamento in quella Via che ho battuto da quando sono adolescente, a piedi, in motorino, in moto, in macchina e dove ho fatto da cicerone agli amici che sono venuti da fuori nella città eterna.
Mai come questa volta questa stretta strada del centro mi da un senso di soffocamento dovuto certamente all’ansia dell’appuntamento con un personaggio che mi potrebbe dare l’opportunità di lavorare.
Ad orario, spingo il pulsante del citofono che mi era stato segnalato rapidamente dalla segretaria al telefono ed il portone si apre con una voce che mi indica il piano.
L’androne e la ringhiera sono simili a quelle del palazzo in cui vivo a Ponte Milvio ma qui le rifiniture sono maggiormente di pregio, come mia abitudine salgo le scale lentamente facendo attenzione ai gradini in marmo consumati che se non ben calpestati fanno inginocchiare in un batter d’occhio.
L’ importante porta a due ante a cui scampanello delicatamente è in legno massiccio con bugne ed architrave, la metà mi viene aperta dal mio potenziale datore di lavoro che mi risucchia con religioso silenzio al suo interno chiudendola alle mie spalle.
Come educazione insegna mi ritrovo fermo ed impalato all’ingresso in attesa di un prego si accomodi che tarda quanto basta in modo tale possa rivolgere lo sguardo sino al soffitto di quella grande stanza quadrata un pochino buia e con una rapida panoramica effettata solo con gli occhi cercando di nascondere lo stupore mi accorgo di essere circondato di libri su tutti e quattro i lati, da terra sino al soffitto come in una biblioteca.
Arriva dalla stanza successiva illuminata da quella fredda luce invernale il prego si accomodi, così mi ritrovo seduto su un divano classico, le pareti decorate, mobili, lumi, quadri, tutto in epoca compresi gli antichi tappeti e la pesante tappezzeria di quel colore rosso Pompei scolorito che mi avevano impedito di guardare attraverso i vetri a piombo delle alte finestre prima di sedermi.
Inizia il colloquio lavorativo in forma amichevole, si parla del film e dell’epoca in cui ha idea di ambientarlo, mi vengono mostrate immagini fotografiche di libri presi con la scala nella grande biblioteca, si parla di contratto economico e l’unica cosa a cui penso intensamente è come fare a guardare fuori dalla finestra che mi è purtroppo alle spalle.
L’occasione si presenta quando viene chiamato al telefono fisso ed è costretto a recarsi in un’altra stanza, mi alzo e mi avvicino ai vecchi vetri imperfetti, guardo fuori e leggo una targa marmorea affissa sulla facciata dell’edificio di fronte che racconta la vita condotta dal Valadier in quella dimora che lui stesso costruì e dove morì e mentre leggo mi torna alla mente il gioco che facevo a casa da piccolo mentre aspettavo il rientro di mia madre.
Guardando fuori con il naso attaccato al primo vetro della finestra appena dopo il basso davanzale, con l’occhio puntavo una delle bolle di imperfezione e muovendo la testa questa distorceva tutto ciò che il mio sguardo incontrava, il gioco durava sino a quando mio nonno mi indicava il suo arrivo e anche la sua figura si distorceva sempre più si avvicinasse a casa.
Scusandosi dell’assenza, riprendo posizione e si continua a parlare di lavoro ma adesso il pensiero è un altro, chi avrà mai abitato prima di lui la casa in cui sto parlando?
I rimanenti dieci minuti mi pongo le seguenti domande: “lo chiedo o non lo chiedo? Potrei imbarazzarlo perché magari tra quelle mura non c’è storia degna di racconti? Potrebbe essere una personalità maggiore di lui e quindi indispettirlo?”
Mi faccio coraggio dopo che lui chiama in produzione chiedendo di prepararmi il contratto e la risposta mi lascia ammutolito.
In quella casa abitò Luchino Visconti ed in quella stanza che anche lui adibì a soggiorno, riceveva i suoi amici e collaboratori.
Lavorai per lui circa tre anni prima di licenziarmi, progettai gli ambienti per tre pellicole di cui una venne candidata al Donatello per la migliore scenografia.
Non tornai più in quella casa, ma quel giorno, ripercorsi Via del Babbuino, pensando che in effetti per respirare un’aria di cultura come fonte di ispirazione artistica, una casa come quella non può altro che contribuire allo sviluppo delle proprie virtù e come un museo questa verrà certamente e giustamente tramandata a qualche altra mente eccelsa.

MAXXI, THE MUSEUM MADE BY ZAHA HADID

Rome, 20.15, Via Guido Reni,
to the right of the basilica of S. Croce built in 1913 by Aristide Leonori wish of Pope Pius X, as a solemn celebration of the sixteenth anniversary of the Edict of Milan.
It ‘was the Pope himself to bear the costs of construction and the site chosen was the one in which, according to tradition, the emperor Constantine did sound the trumpets to announce the city the end of hostilities against Christians, the church in which my grandfather and one of his brothers were married in 1932.
In addition,
the cinema of the parish with the basketball court,
immediately after,
many lights signaled to the ground like a runway for aircraft,
and continuing,
part of the facade of the former Montello barracks of 1906, all in white lime.
Following this,
the barracks Maurizio Giglio.
Behind the track you can glimpse sloping tubes and cantilevered concrete forms.
In the end,
in the shadows of the yellow street lights, the facades of the buildings from the 900 to p.za Mancini where my mother was born.
Among these buildings,
on the northern edge of the old town,
in the Flaminio district,
in 26 thousand square meters of a former military barracks, comes the futuristic Maxxi
by Zaha Hadid.
After several delays in the delivery of the work, after several municipal economic efforts of citizens and then, after high expectations for a project of a signature internationally.
The building lies within the boundaries of the structures described and only a few elements transmit his presence.
In order to understand and enjoy its forms, you should walk on the paved runway and into his belly.
I think the whole volume laudably studied should also blend in with the environment, trying to blend in with the surrounding environment, with the area painted by existing buildings that mark the passage of man in time.
I invite you, to those who had not already done so, visit the new museum after having turned to walk to his neighborhood.
Let me know what you think.

Roma, ore 20.15, Via Guido Reni,
a destra la basilica di S. Croce costruita nel 1913 da Aristide Leonori su desiderio di Papa Pio X, come solenne celebrazione del sedicesimo anniversario dell’editto di Milano.
E’ stato il Papa stesso a sostenere i costi di costruzione e il sito prescelto è stato quello in cui, secondo la tradizione, l’imperatore Costantino ha fatto suonare le trombe per annunciare alla città la fine delle ostilità contro i cristiani, chiesa in cui mio nonno ed uno dei suoi fratelli si sono sposarono nel 1932.
Oltre,
il cinema della parrocchia con il campo da pallacanestro,
subito dopo,
tante luci a terra come segnalassero una pista per aerei,
e continuando,
una parte della facciata della ex caserma Montello del 1906, tutta in calce bianca.
A seguire,
la caserma Maurizio Giglio.
Dietro la pista si possono intravedere tubi inclinati e forme a sbalzo in cemento.
In fondo,
nella penombra delle gialle luci stradali, le facciate dei palazzi dei primi del 900 di p.za Mancini dove nacque mia madre.
Tra questi edifici,
sul bordo settentrionale del centro storico,
nel quartiere Flaminio,
in 26 mila metri quadrati di una ex caserma militare, nasce l’avveneristico Maxxi di Zaha Hadid.
Dopo vari ritardi nella consegna dei lavori, dopo diversi sforzi economici comunali e quindi dei cittadini, dopo grandi aspettative per un progetto di una firma internazionale.
La costruzione riposa all’interno del perimetro delle strutture descritte e solo pochi elementi trasmettono la sua presenza.
Per capire e godere delle sue forme, si deve camminare sulla pista lastricata ed entrare nel suo ventre.
Credo che tutto il volume lodevolmente studiato dovrebbe anche amalgamarsi con il contesto, cercando di integrarsi con l’ambiente circostante, con quell’area dipinta da edifici già esistenti che segnano il passaggio dell’uomo nel tempo.
Vi invito, per chi non lo avesse già fatto, a visitare il nuovo museo dopo avere girato a piedi per il suo quartiere.
Fatemi sapere cosa ne pensate.

THE MYSTERIES OF TORLONIA PALACE IN TRASTEVERE “and its most important private collection of ancient art in the world”

In 1859, Prince Alessandro Torlonia, built in the area of Trastevere in Rome a museum to gather a collection of art works made by Roman and Greek for a total of 620, including sculptures, statues, portraits and sarcophagi. Quantity and quality of the artistic level it is estimated that the works of the Torlonia collection alone represents “a good third of the assets owned by the old city.” Among the masterpieces: the Hestia Giustiniani, the Pallade of Porto, the colossal head of Apollo Kanachos, two copies of dell’Eirene Cefisodoto father of Prassitele, the Aphrodite Anadiomene, the athlete Mirone, of the Diadumeno Policleto Euridemo of the portrait known as Battriana, the outstanding importance of Portus with the representation of buildings, ships, deities protecting and commercial life of the ancient port of Rome, very valuable sarcophagi, like the labors of Hercules and the unique to an assembly of products to large figures, the splendid series of one hundred pictures, most imperial, considered by scholars more important than those of the Vatican and the Capitoline Museums. The first catalog of the Torlonia collection was one written in 1883 by Carlo Ludovico Visconti, which added an atlas of fonotipia tables published by the Danish and a second edition in 1885. Were so numbered 616 pieces, while a further forty resulted in a subsequent examination is not cataloged. An update in time quite recently been edited by the Accademia dei Lincei (C. Gasparri, “Materials used for the study of ancient sculpture of the Museo Torlonia, 1980).
From the beginning the opening of the museum was given only to celebrities and the Roman nobility. In 1948 the building was subject to constraint by the Italian State but in the seventies the Torlonia family managed to obtain a permit to restore a roof and with the opportunity to become the interior locations in 93 small apartments leased immediately, and six hundred and twenty ancient Greek and Roman sculptures were transferred. In all these years there have been several parliamentary questions, causes, judgments, motions, but until now the collection has not seen more light, it is assumed that you are in the basement of the building.
The plan points out an arrow, a continuous structure that bends to 90 ° to the bed of the Tevere, made up of two buildings, one longer than the third and prepared to 45 ° communicating with one of only two on the corner . The interior spaces are filled with trees. The two major aquifers along the central module, the second floor give way to small terraces which describe the size of the premises and the type of construction adopted, based on supporting walls arranged in orthogonal to each other. Walking outside you see the two sides, lying on the main road Lungara where is located the entrance, a door open in the daytime, no intercom alphanumeric names, enclosed in a cloister, a statue, and a concierge desk and walnut windows hosting guardians in dark suits. The smooth gray ashlar lining around the ground floor windows are barred with diamond, unlike those of the first and second floors, each floor 17 on a front of about 50m, complete with shutters, poached in classic Roman plaster color apricot . These runners under the ground to serve as decorative tiles. Secondary Via Corsini occurs only with plaster except for a simple decorative band linear chains sills of the first floor. The windows are the same and just their number short distance between them, they sense the division of apartments and interior locations not visible, but envisaged small and little comfort. The real heart of the arrow is located in the internal structure that the other two. Isolated from vehicular traffic, pedestrian, out prying eyes, in complete privacy, there is an opportunity for spiritual contemplation. Crossing the door Lungara road to the center of the complex is virtually impossible, as in a monastery. Perhaps it is no coincidence that in addition to offices, dwell within this feud mystic and ascetic, families closely linked to the Vatican by the Prelatura of the Santa Croce-Opus Dei.
Let us hope that their prayers will help to protect the works disappeared.

I MISTERI DI PALAZZO TORLONIA A TRASTEVERE
“e la sua più importante collezione privata d’arte antica del mondo”:

Nel 1859, Il Principe Alessandro Torlonia, edifica nella zona di Trastevere in Roma un museo per raccogliere una collezione d’arte composta da opere romane e greche per un totale di 620, tra sculture, statue, ritratti e sarcofagi. Per quantità e qualità del livello artistico si è calcolato che le opere della collezione Torlonia rappresentano da sole “un buon terzo del patrimonio antico posseduto dalla città”. Tra i veri e propri capolavori: l’Hestia Giustiniani, la Pallade di Porto, la colossale Testa di Apollo di Kanachos, due esemplari dell’Eirene di Cefisodoto padre di Prassitele, l’Afrodite Anadiomene, l’Atleta di Mirone, il Diadumeno di Policleto, il ritratto noto come Euridemo di Battriana, l’eccezionale rilievo di Portus con la rappresentazione degli edifici, delle navi, delle divinità protettrici e della vita commerciale dell’antico Porto di Roma, pregevolissimi sarcofagi, come quello delle fatiche di Ercole e quello singolare di un’accolta di dotti a grandi figure, la splendida serie di un centinaio di ritratti, in maggior parte imperiali, considerata dagli studiosi più importante di quelle dei Musei Capitolini e Vaticani. Il primo catalogo della collezione Torlonia fu quello redatto nel 1883 da Carlo Ludovico Visconti, cui si aggiunsero un atlante di tavole in fonotipia pubblicato dal Danesi ed una seconda edizione del 1885. Risultarono così numerati 616 pezzi, mentre una ulteriore quarantina risultarono in un successivo esame non catalogati. Un aggiornamento in epoca abbastanza recente è stato curato dall’Accademia dei Lincei (C. Gasparri, “Materiali per servire allo studio del Museo Torlonia di scultura antica”, 1980).
Sin dall’inizio l’apertura del museo fu riservata solamente a personaggi illustri ed alla nobiltà romana. Nel 1948 il palazzo fu sottoposto a vincolo dallo Stato Italiano ma negli anni settanta i Torlonia riuscirono ad ottenere un permesso per restaurare un tetto e con l’occasione trasformarono i locali interni in 93 miniappartamenti immediatamente affittati, e le seicentoventi antiche sculture greche e romane furono trasferite. In tutti questi anni ci sono state varie interrogazioni parlamentari, cause, sentenze, proposte, ma sino ad oggi la collezione non ha visto più la luce, si ipotizza che si trovi nei sotterranei del palazzo.
La planimetria ricorda una freccia; una struttura continua che si piega a 90° rispetto all’asse del letto del Tevere, composta da due edifici uno più lungo dell’altro ed un terzo disposto a 45° comunicante con uno dei due soltanto su un angolo. Gli spazi vuoti interni sono colmati da alberi. Le due grandi falde del lungo modulo centrale, al secondo piano lasciano spazio a piccoli terrazzi che descrivono la dimensione dei locali e la tipologia costruttiva adottata, basata su muri portanti disposti in maniera ortogonale tra loro. Passeggiando esternamente si vedono le due facciate, quella principale distesa su Via della Lungara dove è collocato l’ingresso, un portone aperto di giorno, citofono alfanumerico privo di nomi, all’interno un chiostro chiuso, una statua, ed una portineria in noce e vetri che ospita custodi vestiti di scuro. Il bugnato regolare grigio fodera tutto il piano terra, le finestre sono con inferriate a rombo, a differenza di quelle del primo e secondo piano, 17 per piano su di una facciata di circa 50m, comprensive di persiane, affogate nel classico intonaco romano colore albicocca. Le travette sotto la falda a coppi fanno da motivo decorativo. Quella secondaria su via Corsini si presenta solamente con intonaco tranne una semplice fascia decorativa lineare che incatena i davanzali del primo piano. Le finestre sono le medesime e proprio il loro numero e l’esigua distanza tra di loro, fanno intuire la divisione degli appartamenti e dei locali interni non visibili, ma ipotizzabili di piccole dimensioni e scarsi di comfort. Il vero cuore pulsante della freccia si trova nell’edificio interno, medesima struttura degli altri due. Isolato dal traffico veicolare, pedonale, fuori da sguardi indiscreti, nella privacy più totale, c’è l’opportunità per il raccoglimento spirituale. Varcare il portone su via della Lungara, per raggiungere il centro dell’intero complesso è praticamente impossibile, come in un monastero. Forse non è un caso che oltre ad uffici, abitino all’interno di questo feudo mistico ed ascetico, famiglie strettamente legate al Vaticano tramite la prelatura della Santa Croce-Opus Dei.
Auguriamoci che le loro preghiere aiutino a proteggere le opere scomparse.

COMPLESSO DOMUS ELECTA EX ASILO DELLA PATRIA, via della camilluccia 537 in roma

Among the former Villa Piacentini and the land that housed Villa Petacci designed by Monaco and Luccichenti today Embassy of the United Arab Emirates on Via della Camilluccia at No. 537 until a few years ago there was an abandoned where the marble plaque affixed next the wrought iron gate entrance on the street you could read “Asylum of the Fatherland.”
Residence of the Sisters of the Order of the Daughters of Mary Help of Christians and non-profit organization for tuberculosis prevention and ultimately Female Orphanage, the building most likely due to lack of funds has been left abandoned for several years so that one day there appeared a sign saying : works of conservative renewal.
For a long time nothing happened, then in the last few months, the entire building is completely surrounded by scaffolding lined with shade cloth.
Recently, I saw that through they were joined by two new signs that say: apartment, call … for appointments, opening sales office.
Driven by huge curiosity that I have always aroused the nineteenth century building phone to make an appointment to find aware of the changes but also some of breathe that which emanates a place with a history.
Is no longer being accessed most from Via della Camilluccia but from a downhill road on the left of the building that takes you back in within the floor plan in the shape of “C”, now as then with garden paths that make you now have access to several units consisting of apartments ranging from 40 to 120 m2 with terraces, balconies or gardens.
The stores, cellars and warehouses then have made room for about 130 boxes with electric shutters, penetrate walk you to the idea of being in the underground parking lot of a shopping center.
Of the original structure remained only the outer walls, the interior has been completely destroyed, as if a bomb dropped from an aircraft had struck her in the heart.
During the guided tour make me climb the stairs to the left wing, center, thanks to a demolition glass lifts that have made the box allow you access to the floors, the windows service that gave light by now have been incorporated in all apartments have cuts and spaces in a distributed design illogical and even the ceiling, the stuccoline to cover the beams that support the new floors, home automation, LED lights, luxurious finishes, I breathed the air I was looking for, that air of cloistered prayer, chastity, poverty, obedience, abandonment, and isolation and even if the structure is proposed with good intentions and solid, in my humble opinion will force new residents, even at a distance of circa160 years to the same isolation leads to the box by car, go up into the house, closed the door and listen to the silence as a grand hotel, as in a convent as a place of rest.
So I wondered for days and I try to give me answers that are not forthcoming, the following questions: but it was right to approve the creation of “apartments” derived from a planned structure for the social if you really restored today could still be put to service of citizens?
It would have been better at this point to raze to rebuild as was done in the seventies with Villa Petacci recognized moreover, rationalist courageous work of the fascist period despite being first converted into a restaurant?
Stakeholders respond that at the time of slaughter Villa Petacci there was the preservation of culture and respect, but if you preserve and respect means to complete a transaction such as that of the former Asylum of the country that left four standing do, then I think that at my age I still have not understood the true etymology of the two words and waiting for someone to me the illustrious
but convincingly.

COMPLESSO DOMUS ELECTA EX ASILO DELLA PATRIA
Via della Camilluccia 537 in Roma

Tra la ex Villa di Piacentini e il terreno che ospitava Villa Petacci progettata da Monaco e Luccichenti oggi Ambasciata degli Emirati Arabi Uniti su Via della Camilluccia al n° 537 sino a qualche anno fa c’era una struttura abbandonata dove sulla targa in marmo affissa accanto al cancello in ferro battuto dell’ingresso sulla via si poteva leggere “Asilo della Patria”.
Residenza delle Suore dell’ordine delle Figlie di Maria Ausiliatrice poi Ente morale di prevenzione tubercolare ed in ultimo Orfanotrofio Femminile, la costruzione molto probabilmente per mancanza di fondi è stata lasciata all’abbandono per diversi anni affinchè un giorno è apparso un cartello con su scritto: lavori di risanamento conservativo.
Per molto tempo non è accaduto nulla, poi negli ultimi mesi l’intera costruzione viene avvolta completamente da impalcature foderate da telo ombreggiante.
Recentemente, passando ho visto che si sono aggiunti altri due nuovi cartelli che dicono: vendita appartamenti, telefonare al numero…per appuntamenti, apertura ufficio vendite.
Spinto dalla enorme curiosità che mi ha da sempre suscitato la costruzione ottocentesca telefono per prendere un appuntamento consapevole di trovare dei cambiamenti ma anche certo di respirare quell’aria che emana un luogo con alle spalle una storia.
Oramai non si accede più da Via della Camilluccia ma da una stradina in discesa sulla sinistra dell’edificio che ti accompagna nel posteriore all’interno della planimetria a forma di “C”, oggi giardino come allora con i viottoli che adesso ti fanno accedere alle varie unità abitative composte da appartamenti che vanno dai 40 ai 120 m2 con terrazzini, balconcini o giardini.
I magazzini, le cantine e i depositi di allora hanno fatto spazio a circa 130 box con serrande elettriche, addentrarsi a piedi ti da l’idea di essere nel parcheggio sotterraneo di un centro commerciale.
Della struttura originale sono rimaste solamente le pareti perimetrali, gli interni sono stati completamente abbattuti, come se una bomba lanciata da un aero l’avesse colpita in pieno centro.
Durante la visita guidata mi fanno salire le scale dell’ala di sinistra, al centro grazie ad uno sventramento hanno ricavato ascensori vetrati che dai box ti permettono l’accesso ai piani, i finestroni di servizio che davano luce oramai sono stati inglobati negli appartamenti che hanno tagli e spazi distribuiti in maniera progettuale illogica e nonostante il controsoffitto, le stuccoline per coprire le putrelle che sostengono i nuovi solai, la domotica, le luci led, i lussuosi rivestimenti, ho respirato l’aria che cercavo, quell’aria claustrale di preghiera, di castità, povertà, obbedienza, abbandono, ed isolamento e anche se la struttura si proponga con buoni e solidi intenti, a mio modesto avviso obbligherà i nuovi residenti, anche se a distanza di circa160 anni al medesimo isolamento; si accede al box con l’auto, si sale in casa, si chiude la porta e si ascolta il silenzio come in un grande albergo, come in un convento, come in un luogo di riposo.
Quindi mi sono interrogato e cerco da giorni di darmi risposte che non arrivano, alle seguenti domande: ma è stato giusto approvare la realizzazione di “appartamenti” ricavati da una struttura pianificata per il sociale che se realmente ristrutturata, oggi avrebbe potuto ancora essere messa al servizio dei cittadini?
Non sarebbe stato meglio a questo punto radere al suolo per ricostruire come è stato fatto negli anni settanta con Villa Petacci riconosciuta per giunta, coraggiosa opera razionalista del periodo fascista nonostante sia stata prima trasformata in ristorante?
I diretti interessati risponderebbero che ai tempi dell’abbattimento di Villa Petacci non c’era la cultura del preservare e del rispettare, ma se preservare e rispettare significa portare a compimento un’operazione come quella dell’ex Asilo della Patria che lascia in piedi quattro facciate, allora penso che alla mia età non ho ancora compreso la vera etimologia delle due parole ed aspetto che qualcuno me la illustri,
ma in maniera convincente.

PORTOGHESI AND MONTEBELLO IN BRACCIANO, A PIECE OF HISTORY

Looking at the Montebello residential complex of Bracciano (Rome) Italy, but even more the inside of the apartments, you can not read the guidelines of Paolo Portoghesi architecture.
Each apartment construction in its design evokes the teaching of the designers of the post-war, reminiscent of the black and white photographs of architectural works in the books of the seventies and eighties, brings out the daring mind of the designs villas for private clients who are then become part of history by dictating the help of Italian architecture.
You can not not think of home Lina, ATER to homes, decorated the interior of the house Papanico, the complex of Tarquinia, the church of Salerno and more.
In the central area of the interior environment is never the same, stop and leave the walls at different angles from each other, plans to level up or down, in the corridors leading outside terraces, gazebos permanent porches , the facing are addressed, both to a central square with a circular radial pattern renaissance, from the beating heart, a meeting, gathering, agreements, business, the pursuit of beauty, of proportion, that a campaign to drastically and badly parceled in past years.
The decoration of facades and details confess and reveal the life of an architect, grew up and lived in one of the most prosperous periods in history and fervent in our society, in which the ability of design and construction was still bound at the thought of mind and the qualities of individuals.
We hope that the whole does not face the end of others, who with the passage of time, due to lack of infrastructure, will remain isolated from the rest, bringing residents to encyst in a fortified position.

PORTOGHESI E MONTEBELLO A BRACCIANO, UN PEZZETTO DI STORIA

Guardando il complesso residenziale Montebello di Bracciano (Rm) Italia, ma ancora di più l’interno degli appartamenti, non si possono non leggere, le linee guida dell’architettura di Paolo Portoghesi.
Ogni appartamento nella sua concezione costruttiva evoca l’insegnamento dei progettisti del dopo guerra, ricorda le fotografie in bianco e nero delle opere di architettura nei libri degli anni settanta ed ottanta, fa affiorare alla mente i disegni azzardati dei villini per le committenze private che sono poi entrati a far parte della storia dettando le linnee guida dell’architettura italiana.
Non si riesce a non pensare a casa Lina, alle case ATER, agli interni decorati di casa Papanice, al complesso di Tarquinia, alla chiesa di Salerno e tanto altro.
Nella zona centrale, l’interno degli ambienti non è mai lo stesso, le pareti si fermano e ripartono con angoli diversi l’una dall’altra, i piani di livello salgono o scendono, i corridoi conducono in terrazzi esterni, gazebo permanenti, portici, gli affacci sono rivolti, sia verso una piazza centrale circolare con schema radiale rinascimentale, dal cuore pulsante, punto di incontro, di raccolta, di accordi, di affari, la ricerca del bello, della proporzione, che verso una campagna drasticamente e malamente lottizzata negli anni passati.
Le decorazioni ed i particolari delle facciate esterne confessano e svelano la vita di un architetto cresciuto e vissuto in uno dei periodi storici più floridi e ferventi della nostra società, in cui l’abilità progettuale e costruttiva era ancora rilegata al pensiero di menti e alle qualità dei singoli.
Speriamo che il complesso non faccia la fine di altri, che con il passare del tempo, a causa della mancanza di infrastrutture, rimarrà isolato da tutto il resto, portando i residenti ad incistarsi come in una fortezza

THE GARDENS OF FARNESINA IN ROME

For eight years I walk every morning in all seasons the elevated Via Olympic leaving me in the lower right area of the Farnesina, the former housing of the beam, the former orphanage for crippled children, exercise areas intended for parking areas of the Ministry of Foreign Affairs, the gardens of Via dei Colli della Farnesina and Via della Farnesina in Rome.
Despite winter mornings the car is still cold and the body still numb when the gaze falls for that fraction of seconds in the green and in the breach, the mind takes me back to those hot springs that smelled of dust and sweat whose sweep seemed immense and we moved from one area to another with specific purposes, from the race track to the challenge of bicycles marbles, from jumping off the swing where someone was promptly accompanied to the hospital on time to suture some wounds of war with blowpipes hidden behind thick hedges of laurel that smelled when you were falling in leaving scratches procured from the branches with the hope of not having ruined yet another T-shirt.
The recall of mothers or grandparents at sunset sounded like the beginning of the last minute in the sports competitions in which you had to give vent to all the energy left as if it were the last day of life.
The football matches were held in the parking lot in front.
A land of asphalt with the sun in two in the afternoon, the matters to divide the components that would form the two teams, the disappointment of not being chosen first duty or play against your best friend, the doors symbolized by the accumulation of clothes and a lot of imagination, that became the clearing near the Olympic Stadium until you won or lost for so little with the final fight for a foul received.
While I put in the underpass at Fleming I projected towards the Champs Sports I realize that the cold and moisture increase inside the car, I reflect on the things that will vary depending on how we look, from which angle we wish to observe and from our state of mind.
A garden can be a neighborhood park, a jungle.
A suburban home, a villa.
A palace, a prison.
I think that every idea, project and construction should be able to leave the imperfection that would give the possibility to the user / consumer to interpret and adapt the product to their needs and their own needs, but only a few hundred meters from that entertainment today used as pasture for dogs, there are apartments dating back to the fascist type of very low-income that are now sold at prices ranging from 6,000 to 7,000 EUR for square meter, called lofts and basements former wash-called penthouses.
Despite the man should be master of the world, however, often fails to give the worst of himself speculating on situations already compromised from the start, just think that until the eighties, every apartment of maximum fifty square meters harbored at least one family with contract d ‘ rent-controlled consisting of five or six units with a bathroom consists of toilet and wash basin.

The sale of these properties to the nobility and the bodies to private individuals has created a hoarding affair and knowledge administration in order to increase the value of a single property to its placement in the market to double the number of purchase origin .
At the end of the steps nowadays apartments are renovated but with a density less popular due to raising economic market that led to the purchase of high-income families with a maximum of one child, but with non-existent infrastructure and abandonment of those few they were there.

Often the blame politics, rulers, to the owners, planners, designers, constructors, but I believe that the culprits should be identified simply in humans, understood as a community, as a collective group of bipedal with developed intellect that too often themselves to be carried by that primordial desire that is called concupiscence and it is precisely this desire that speculators leverage.
And to think that to solve this problem entirely Italian, it would be enough not to buy certain houses

I GIARDINI DELLA FARNESINA A ROMA

Da otto anni percorro tutte le mattine in tutte le stagioni la sopraelevata Via Olimpica lasciandomi in basso sulla destra la zona della Farnesina, le ex case popolari del fascio, l’ex Orfanotrofio dei mutilatini, gli spiazzi destinati a zone di parcheggio del Ministero degli Affari Esteri, i giardinetti tra Via dei Colli della Farnesina e Via della Farnesina di Roma.
Nonostante nelle mattine d’inverno l’automobile sia ancora fredda ed il corpo ancora intorpidito quando lo sguardo cade per quella frazione di secondi nel verde e sulla breccia, la mente mi riporta a quelle calde primavere che sapevano di polvere e di sudore i cui spazzi sembravano immensi e ci si spostava da una zona all’altra con scopi precisi, dalla gara sulla pista di biciclette alla sfida a biglie, dal salto dall’altalena dove puntualmente qualcuno veniva tempestivamente accompagnato all’ospedale per suturare qualche ferita alla guerra con le cerbottane nascosti dietro fitte siepi di alloro che profumava quando ci cadevi dentro lasciandoti i graffi procurati dai rami con la speranza di non avere rovinato l’ennesima maglietta.
Il richiamo delle madri o dei nonni al tramonto suonava come l’inizio dell’ultimo minuto nelle gare sportive in cui si doveva dare sfogo a tutte le energie rimaste come fosse l’ultimo giorno di vita.
Le partite di pallone si svolgevano nel parcheggio antistante.
Una landa di asfalto infuocata dal sole delle due del pomeriggio, la conta per dividersi i componenti che avrebbero formato le due squadre, le delusioni di non essere scelto per primo o di dovere giocare contro il tuo migliore amico, le porte simboleggiate dall’accumulo di vestiti e tanta fervida immaginazione, quello spiazzo diveniva il vicino stadio Olimpico sino a quando si vinceva o perdeva tanto a poco con rissa finale per un fallo ricevuto.
Mentre mi infilo nel sottopasso del Fleming che mi proietta verso i Campi Sportivi mi rendo conto che il freddo e l’umidità aumentano all’interno dell’abitacolo, rifletto sulle cose che variano a seconda di come le guardiamo, da quale angolazione desideriamo osservarle e dal nostro stato d’animo.
Un giardinetto di quartiere può essere un parco, una giungla.
Una casa di periferia, una villa.
Una reggia, una prigione.
Penso che in ogni idea, progetto, costruzione si debba riuscire a lasciare quell’imperfezione che possa dare la possibilità al fruitore/consumatore di interpretare e adattare il prodotto alla propria esigenza ed alla propria necessità ma solamente a poche centinaia di metri da quell’area divertimenti oggi usata come pascolo per cani, ci sono gli appartamentini risalenti all’era fascista di tipologia ultrapopolare che oggi vengono venduti a prezzi che vanno dai 6.000 ai 7.000 euro per metro quadrato, scantinati chiamati loft ed ex lavatoi denominati attici.
Nonostante l’uomo sia padrone del mondo riesce comunque spesso a dare il peggio di se stesso speculando su situazioni già compromesse in partenza, basti pensare che sino agli anni ottanta, ogni appartamento di massimo cinquanta metri quadrati ospitasse come minimo una famiglia con contratto d’affitto bloccato composta da cinque o sei unità con un bagno costituito da vaso e lavabo.
La vendita di questi immobili da parte della nobiltà e degli enti a singoli privati ha creato un accaparramento all’affare ed alla conoscenza amministrativa al fine di aumentare il valore della singola proprietà per un suo ricollocamento sul mercato al doppio della cifra di origine d’acquisto.
Alla fine di tutti i passaggi al giorno d’oggi troviamo appartamentini ristrutturati ma con densità popolare inferiore dovuta all’innalzamento economico del mercato che ha portato all’acquisto famiglie ad alto reddito con massimo un figlio, ma con infrastrutture inesistenti ed abbandono di quelle poche che c’erano.
Spesso si da la colpa alla politica, ai governanti, ai padroni, agli urbanisti, ai progettisti, ai costruttori, ma credo che i colpevoli debbano essere individuati semplicemente negli esseri umani, intesi come comunità, come collettività di bipedi con intelletto sviluppato che troppo spesso si fanno trasportare da quel desiderio primordiale che si chiama concupiscenza ed è proprio su questo desiderio che gli speculatori fanno leva.
E pensare che per risolvere questo problema del tutto italiano, basterebbe non acquistare determinate case.

ARCHITECTURE AND SCENOGRAPHY

The Aviator: Architect and Art Director Dante Ferretti – U.S.A. 2005 – Motion picture.
Il bell’Antonio: Art Director Lorenzo Baraldi – Italy 2005 – TV movie.
“The Aviator” and “Il bell’ Antonio” are two works so distant and, at the same time, so close.
Both of them are signed by Italian Art Directors and workers who came from the old Italian cinema school where they taught how to do a good use of money and, also, how to supply a good product even with a very small budget by using all the “tricks of the trade”.
In both of this movies we can see scenes and sets that perfectly match with the historical time whom those facts refer to.
Obviously time and costs issues pushed them to a different framing, but the editing they did well solved the huge gap between these productions.
-The Aviator: Italian representation of the Art Deco from New York.
-Il bell’Antonio: Sicilian Baroque performable in America.

Piazzale di Ponte Milvio a Roma, ieri ed oggi

Piazzale di Ponte Milvio a Roma, ieri ed oggi.

Sono nato cresciuto e vissuto a piazza Ponte Milvio dal 1969 al 1998.
Negli anni settanta, una vecchia bottiglieria che vendeva vino sciolto e tavoli con sedie in legno dove consumarlo, il bar dei cacciatori aperto dalle 4 del mattino, la trattoria con il fumo del camino, il ristorante di cucina romanesca condita da parolone e parolacce sotto le mie finestre ottocentesche con i vetri che distorcevano le figure che davano sulla piazza, le botteghe artigiane.
L’orologiaio, con il suo bancone ricoperto da orologi e meccanismi, la lampada fioca, la vetrata, a seguire, la pasticceria, il gommista, al piano terra della casa coloniale dove sino a fine ottocento avveniva il cambio dei cavalli ed al centro della facciata, sulla costruzione, indipendente e sovrano, il grande orologio circolare con la sua campanella che inesorabile segnava ogni ora del giorno dalle 6 sino alle 18.
Il forno che distribuiva pane e calore, il ponte con la torretta Valadier 1805 ed il tram che lo attraversava, in asse con la facciata della chiesa Gran Madre di Dio 1933, progettata da Cesare Bazzani e realizzata da Clemente Busiri Vici sullo stile neoclassico, ed il pescatore che vendeva le anguille, il mercato alimentare costituito da carretti in legno, e tendoni in tela appesi alla meno peggio; come dimenticare le alici sottosale dentro al bidone in metallo e le mosche che giravano attorno. Fioraio e grata checca ultimavano la decorazione e poi Lui il grande e biondo Tevere, con il suo brusio, il suo odore, i suoi straripamenti, le sue storie di partigiani e di traffico di armi come racconta Vasco Pratolini, i suoi suicidi, le nuotate e le remate.
In cima ad uno dei tre palazzi che delimitano la piazza, una sirena che dava l’allarme dei bombardamenti nel periodo della seconda guerra mondiale che per non dimenticare continuava a suonare tutti i giorni alle 12.
Tra il 1980 ed il 1990, il traffico veicolare aumenta in maniera smisurata, il ponte diviene soltanto pedonale, le botteghe spariscono sostituite da negozi, la bottiglieria ed il bar dei cacciatori lasciano il posto ad una banca, il mercato viene spostato lungo il fiume e realizzato con box metallici, la sirena delle 12 non suona più, meglio dimenticare…
L’altra sera, vado a trovare un vecchio amico di quartiere che caparbiamente, dopo aver fatto fortuna all’estero è tornato in Italia ed ha aperto un locale di vini, dove prima c’era proprio quel gommista che mi faceva attraversare la strada per la mano e dove si smontavano e sostituivano le gomme sotto il sole e la pioggia. Oggi ci sono tavoli, sedie, ragazzi e ragazze avvenenti, alla moda, che tra un bicchiere e l’altro parlano del futuro. Con il calare della notte, la piazza è gremita di gente di tutte le età, miriadi di lampadine che segnalano ritrovi, si accendono tutte intorno, le auto soffocano tra le persone, la polizia tenta di gestire qualcosa che non si può più controllare.
La mattina,… il deserto. Veicoli che passano distratti, persone che vanno a lavoro, qualche negozio aperto, ed i locali che a mezza serranda puliscono e preparano per la notte.
Come un terreno erratico, nel trascorrere dei trentacinque anni, le mode, le abitudini e i desideri degli esseri umani hanno trasformato inesorabilmente la piazza e come si racconta delle antiche civiltà la piazza è stata teatro di incontri, di scontri, di passioni, di scambi culturali, di appuntamenti, di quell’unione umana che ha egoisticamente sepolto il vecchio per il nuovo.